Le disfunzioni sessuali maschili correlate all’infertilità di coppia

Parere degli esperti |
Fact checked
Le disfunzioni sessuali maschili correlate all’infertilità di coppia

Gli articoli della sezione "Il parere degli esperti" riguardano alcuni fra gli argomenti più importanti e dibattuti delle rispettive aree cliniche. Dato il livello di approfondimento raggiunto, i testi possono contenere termini e concetti molto complessi. L’utilizzo del glossario potrà essere di aiuto nella comprensione di questi articoli e altri contenuti del sito, più divulgativi, contribuiranno a chiarire gli argomenti trattati.


Le disfunzioni sessuali maschili possono avere cause diverse, ma sovente hanno come conseguenza l’infertilità. La ricerca infruttuosa di gravidanza è causa di profondo disagio all’interno della coppia. Il desiderio irrealizzato di diventare genitori è infatti fonte di ansia, frustrazione e, molto spesso, sensi di colpa nel sentirsi personalmente responsabili del problema.

Il partner maschile affetto da infertilità vive in particolare una condizione psicologica complessa, frutto delle dinamiche emotive correlate al mancato raggiungimento della gravidanza, che danneggia profondamente la qualità complessiva della vita, e di quella sessuale in particolare. Un primo aspetto degno di attenzione, a tal proposito, è il profondo cambiamento dell’attività sessuale all’interno della coppia infertile.

Potrebbe interessarti anche…

I rapporti programmati

La ricerca del rapporto, che generalmente è guidata da reciproco desiderio, e come tale è un atto assolutamente spontaneo e non programmato, diventa, per la coppia alla ricerca di concepimento, uno “strumento” per raggiungere l’obiettivo. I rapporti vengono programmati sulla base del periodo fecondo, delle indicazioni del ginecologo o del termometro, trasformando un momento di spontaneità in una scadenza da rispettare. In questi casi è frequente assistere, nel partner maschile, a una perdita progressiva del desiderio sessuale, a volte talmente grave da rendere difficile il rispetto delle “tabelle di marcia” prescritte alla coppia. Esiste poi il profondo disagio “da esame”, in base al quale il partner maschile avverte su di sé il peso e la responsabilità di un atto sessuale dal quale dipende la possibilità di concepire finalmente un figlio. L’ansia che ne deriva è spesso causa di disfunzione erettile, la tendenza cioè a perdere l’erezione, o a non riuscire del tutto a ottenerla, determinata dalla paura stessa che ciò avvenga, la cosiddetta ansia da prestazione.

Non è infrequente che l’andrologo che gestisce condizioni di infertilità di coppia si trovi ad affrontare situazioni del genere, talvolta prescrivendo terapie farmacologiche allo scopo di aiutare il paziente a superare queste delicate fasi psicologiche.

Disfunzioni sessuali maschili e autostima

Va infine ricordato come la condizione di infertilità maschile determini spesso, nel paziente, una profonda perdita di autostima, legata all’equivoco di fondo in base al quale un uomo “poco fertile” vada per questo considerato anche “poco virile”. Tale pregiudizio, ancora radicato in alcuni contesti socioculturali, introduce un profondo sentimento di insicurezza, e danneggia ulteriormente la funzione sessuale.

Le cause delle disfunzioni sessuali maschili

Le disfunzioni sessuali maschili sono condizioni che si associano frequentemente all’infertilità, e sono legate, per le ragioni già esposte, a cause psicologiche. Ma va ricordato come, in taluni casi, la disfunzione erettile possa essere determinata da patologie organiche e come talvolta queste patologie possano essere le stesse responsabili dello stato di infertilità. La cosiddetta sindrome metabolica, ad esempio, è un insieme di fattori di rischio cardiovascolare, quali l’obesità, il diabete e l’ipertensione, ed è in grado di danneggiare tanto l’erezione quanto la produzione degli spermatozoi, determinando un deficit di flusso sanguigno al pene e ai testicoli. Allo stesso modo, un basso livello dell’ormone testosterone, definito ipogonadismo, può interferire con la fertilità, ma al contempo provocare calo di desiderio e deficit di erezione. Emerge in conclusione l’importanza della consulenza andrologica che affianchi quella ginecologica nella gestione della coppia infertile. L’intervento dell’andrologo, mirato all’individuazione delle cause e delle relative cure per la condizione di infertilità, consentirà di affrontare il problema maschile secondo un’ottica globale, attenta anche ai disturbi associati, quali le disfunzioni sessuali, responsabili di un grave deterioramento della qualità di vita della coppia.

Bibliografia di riferimento

  • Bechoua S, Hamamah S, Scalici E. Male infertility: an obstacle to sexuality? Andrology 2016 May;4(3):395-403.
Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.