MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Abitudini di vita e ambiente: Impatto sulla fertilità femminile

Notizia

PUBBLICATO

Abitudini di vita e ambiente: Impatto sulla fertilità femminile

Le abitudini di vita e l'ambiente possono avere un drammatico impatto, non solo sulla salute generale ma anche sulla funzione riproduttiva. Già dai primi anni '90 diversi studi hanno evidenziato come alcuni fattori legati allo stile di vita e all'ambiente fossero implicati nella salute riproduttiva femminile. Il fumo, l'alcool, l'uso di caffeina, una dieta non corretta, poco esercizio fisico, lo stress psicologico, una storia di infezioni sessualmente trasmesse e/o di malattia infiammatoria pelvica, inquinanti atmosferici, sostanze tossiche, sono i fattori che, in maniera più o meno significativa, sono stati correlati ad una riduzione della fertilità femminile.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/
Alcool e fertilità
Caffeina e fertilità
Fumo e fertilità
Peso e fertilità
Malattie sessualmente trasmesse e fertilità
Stress psicologico e fertilità
Ambiente e fertilità

Conclusioni Generali

L'effetto negativo combinato di più fattori legati allo stile di vita ed all'ambiente sono stati associati ad una progressiva riduzione della fertilità. Più aumentano i fattori negativi, più si assiste ad un incremento nel tempo necessario per ottenere una gravidanza.

In primo luogo vanno identificati i fattori di rischio della ridotta fertilità femminile; successivamente si deve assistere e motivare la donna aiutandola ad eliminare il più possibile i fattori di rischio non solo clinici ma anche ambientali e di vita. Cambiare i propri stili di vita comporta tempo, un considerevole sforzo e seria motivazione. È necessario un supporto sotto forma di counselling (colloqui con psicologi), informazione e strategie educazionali. Potrebbe valere la pena, per i medici, usare le informazioni relative allo stile di vita per incoraggiare i loro pazienti a migliorare la loro salute in generale così da influenzare positivamente la loro capacità riproduttiva.

Una visita di routine alla donna offre un eccellente opportunità per spiegare l'impatto dei fattori di rischio sulla ridotta fertilità. Il medico può utilizzare questa visita per mirare gli interventi appropriati per rinforzare i messaggi sui fattori di rischio di ridotta fertilità.

Un percorso personalizzato per modificare gli stili di vita potrebbe essere pianificato per ogni donna. Lo scopo è quello di fornire il metodo più efficace ed appropriato per migliorare la funzione riproduttiva. Per massimizzare l'accettazione del trattamento e la probabilità di successo, il percorso dovrebbe essere pianificato insieme alla coppia ed essere mirato alle necessità individuali.

Simona Helda Vailati - Dirigente medico, Specialista in Ostetricia e Ginecologia, Ospedale San Raffaele, Milano

Glossario

Indice di massa corporea

In inglese Body Mass Index (BMI) è un parametro utilizzato per valutare la struttura corporea, in relazione al peso. Si calcola dividendo il peso, in chilogrammi, per l’altezza, in metri, elevata al quadrato. Il valore di BMI di un individuo, confrontato con quello di apposite tabelle permette di definire la condizione di sottopeso (<20 kg/m2), normopeso (20-24.9 kg/m2), sovrappeso (25-29.9 kg/m2), obesità (BMI ≥30 kg/m2).

Vai al glossario sulla Fertilità

Ormone follicolo stimolante

ormone follicolo stimolante, prodotto dall’adenoipofisi. In inglese Follicle Stimulating Hormone (FSH), contribuisce a regolare le funzioni dell’ovaio, nel quale stimola lo sviluppo dei follicoli, e dei testicoli.

Vai al glossario sulla Fertilità

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI