Maturazione in vitro

Maturazione in vitro

La maturazione in vitro, in inglese In Vitro Maturation, abbreviato in IVM, è una procedura che consiste nel promuovere la maturazione in laboratorio di ovociti che non hanno compiuto la maturazione stessa nei follicoli delle ovaie. Questa tecnica è stata descritta per la prima volta nel 1939, impiegando ovociti di coniglio, ma è stata utilizzata con successo nell’uomo trent’anni dopo da Edwards. Questo autore dimostrò che gli ovociti umani immaturi, messi in un apposito ambiente di coltura, impiegavano almeno trentasei ore, per diventare maturi. La maturazione in vitro è usata come completamento della procedura dei cicli naturali, per ovviare al problema che spesso gli ovociti prelevati da donne ad essa sottoposte non hanno completato la normale maturazione nelle ovaie, e anche in altri protocolli di PMA.

Vedere anche in Procreazione Medicalmente Assistita:

Potrebbe interessarti anche…

Approfondimenti:

Tommaso Sacco

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.