MENU SEZIONE

Inseminazione intrauterina (IUI)

L’inseminazione intrauterina in inglese viene denominata Intra-Uterine Insemination abbreviato in IUI. Essa consiste nell’iniezione dello sperma nell’utero con l’aiuto di una cannula fatta passare attraverso il collo dell’utero. Prima di essere rilasciato nell’utero, lo sperma è sottoposto a una procedura chiamata “lavaggio” che ha lo scopo di rimuovere da esso molecole, denominate prostaglandine. Queste potrebbero ostacolare la fecondazione provocando contrazioni dell’utero che rischierebbero di far uscire l’ovocita o l’embrione dall’utero.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

L’IUI viene eseguita nel momento in cui si rileva l’ovulazione mediante ecografia e dosaggio degli ormoni nel sangue. In alternativa la si fa 36 ore dopo la somministrazione del farmaco a base di hCG, mirata a provocare l’ovulazione. L’IUI può essere praticata sia a donne sottoposte a stimolazione delle ovaie che a soggetti nei quali il ciclo ovarico è naturale. La stimolazione ovarica, mediante farmaci a base di gonadotropine, permette un controllo dello sviluppo dei follicoli che viene eseguito con l’ecografia. La maturazione finale e l’ovulazione si ottengono somministrando un farmaco a base di hCG.

Vedere anche in Procreazione Medicalmente Assistita:

Approfondimenti:

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI