Infertilità nell’uomo

Infertilità nell’uomo

Per fattore maschile dell’infertilità di coppia si intende che una coppia non riesce a concepire un figlio per problemi che riguardano il maschio.

Infertilità e sub-fertilità

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l’infertilità maschile come l’incapacità di ottenere un concepimento dopo almeno dodici mesi di rapporti sessuali regolari con una femmina fertile, senza utilizzare alcun metodo anticoncezionale. D’altra parte, l’attribuzione della causa dell’infertilità a uno solo dei membri della coppia richiede un’attenta valutazione per escludere che, all’origine del mancato concepimento, ci siano problemi sia del maschio, che della femmina. Inoltre, passando da una definizione “generale”, come quella citata in precedenza, alla realtà biologica, bisogna considerare, che fra un soggetto fertile e uno del tutto infertile, ci possono essere gradi di fertilità, o di infertilità, intermedi. Un maschio che si trovi in questa condizione di definisce “subfertile”, cioè meno fertile del normale, e avrà ridotte probabilità di far concepire un figlio a una donna fertile, ma potrà comunque raggiungere questo obiettivo.

Potrebbe interessarti anche…

Frequenza

In termini generali, l’infertilità da fattore maschile ha una frequenza del 30%, mentre in un altro 30% di casi il mancato concepimento è dovuto a problemi sia del maschio, che della femmina. A fronte di una probabilità così elevata che una coppia non abbia figli solo, o anche, per un fattore maschile, la frequenza con la quale gli uomini si rivolgono a specialisti competenti per una valutazione dell’efficienza dell’apparato riproduttivo è molto bassa. All’origine di questa contraddizione ci sono motivi culturali e sociali molto ben radicati in diversi Paesi, fra i quali l’Italia.

Vedere anche in Infertilità Maschile:

Approfondimenti

Tommaso Sacco

 

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.