Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Anamnesi dell’infertilità

Anamnesi dell’infertilità

L’anamnesi consiste nella raccolta della storia biologica e medica di una persona, sia per quanto riguarda il problema specifico per il quale è stata richiesta la visita, sia considerando aspetti più generali della vita e della salute della persona. L’anamnesi di una coppia che si rivolge a un medico per un problema di infertilità dovrebbe essere costituita da tre parti principali:

  • l’anamnesi dell’infertilità di coppia;
  • l’anamnesi remota e recente della donna;
  • l’anamnesi remota e recente dell’uomo.

L’anamnesi dell’infertilità si basa su una serie di domande che riguardano il tempo trascorso nella ricerca del concepimento, la frequenza dei rapporti avuti in tale periodo e l’evidenza di eventuali problemi relativi ai rapporti sessuali. Come si può immaginare, la trattazione di tali argomenti richiede il giusto approccio da parte del medico e un’adeguata apertura da parte della coppia, senza la quale potrebbero essere tralasciate informazioni indispensabili per orientare la diagnosi, definire il problema nei suoi vari aspetti e individuare la causa dell’infertilità.

Potrebbe interessarti anche…

L’anamnesi della donna dovrebbe partire dalla raccolta di informazioni sulle abitudini di vita e sul lavoro poiché alcuni fattori che favoriscono la comparsa dell’infertilità dipendono, appunto, da abitudini di vita, come fumo e consumo abituale di alcol, o da lavori, come quelli che pongono a contatto con radiazioni o con sostanze chimiche che hanno un effetto negativo sulle funzioni del sistema riproduttivo. E’ indispensabile, inoltre, raccogliere una storia dettagliata del funzionamento dell’apparato riproduttivo, dalla comparsa della prima mestruazione o menarca, all’andamento dei cicli e all’eventuale uso di contraccettivi durante l’adolescenza e nell’età adulta. Ovviamente vanno registrate gravidanze o aborti che si fossero verificati in precedenza. Grande attenzione va posta alla raccolta di informazioni su malattie a carico dell’apparato riproduttivo e, in particolare, su quelle riconosciute come possibili cause di infertilità: Sindrome dell’ovaio policistico, endometriosi, fibromi o infiammazioni delle tube.  Non sono da trascurare malattie relative ad altri organi o apparati perché alcune di esse possono avere effetti negativi sulla funzione della riproduzione. Si dovrebbe partire da quelle più comuni, come diabete e alterata funzione della tiroide, per arrivare a quelle molto rare, come la Sindrome da anticorpi antifosfolipidi.

Una corretta anamnesi è un’ottima base di partenza per un percorso che porti alla definizione della causa di infertilità, evitando l’esecuzione di esami inutili, e all’individuazione della soluzione più adatta.  Per questo motivo è importante che la coppia infertile arrivi alla visita con tutta la documentazione e con le informazioni utili da trasferire al medico.

Vedere anche in Diagnosi dell'infertilità femminile

Approfondimenti

Tommaso Sacco

Contatta l'esperto

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti