Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Consigli in caso di fallimento dell’impianto embrionario

Consigli in caso di fallimento dell’impianto embrionario

L’impianto embrionale rappresenta il buco nero della conoscenza in ambito riproduttivo umano. Esso costituisce il principale elemento limitativo dell’efficienza riproduttiva nell’uomo. I provvedimenti in uso per migliorare l’impianto embrionale nei programmi di fecondazione in vitro contano di una serie di provvedimenti medici e chirurgici di provata efficacia (facts) e provvedimenti medici e chirurgici proposti e utilizzati senza evidenza con varie e diverse narrative di sostegno (opinions).

Cause certe e soluzioni possibili del fallimento dell’impianto

CauseAccertamenti necessariSoluzioni possibiliRisultati ottenuti
Embrioni aneuploidi (spesso per età avanzata)Biopsie embrionali e screening aneuploidieTrasferimento dei soli embrioni euploidi (sani) se ottenibili oppure Donazione di gametiMediamente buoni non nel miglioramento dell’outcome ma nella velocizzazione del risultato prima dell’eventuale opzione della donazione
Anomalie anatomiche (utero setto, miomi sottomucosi, polipi, aderenze)Ecografie 3DCorrezione/rimozione isteroresettoscopicaMolto buoni
Endometriosi, adenomiosi, sactosalpingi, endometritiEcografie 3D, laparoscopia e isteroscopiaCorrezione chirurgica, ove possibileSignificativamente buoni
Ovaio policisticoInfiammazione endometrioNon accertateNon stabiliti
Resistenza al progesteroneInfiammazione endometrioNon accertateNon stabiliti
Disfunzioni tiroideeTSH <2,5 mUI/LTrattamento con levotiroxinaBuoni
Disfunzioni tiroidee autoimmuniTSH tra 2,5 e 5 mUI/L e positività per anticorpi antiperossidasi tiroideaTrattamento con levotiroxinaApparentemente buoni
Obesità (BMI >30 kg/m2)Metaboliche e psiconutrizionaliRiduzione di peso controllataApparentemente buoni
Fumo di sigarette (induce il 52% in più di rischio di fallimento)Consumo >10 sigarette al giornoSospensione del fumo di sigarettaBuoni

Consigli senza alcuna evidenza

Cause ipotizzate ma non dimostrateAccertamenti necessariSoluzioni possibiliRisultati ottenuti
Sindrome da anticorpi antifosfolipidiNessunoNessuno perché non associati a RIFNessuno
Carenza di vitamina DNessunoNessunaNessuno
Infezioni e uso di antibioticiEsami microbiologici del debris endometrialePocheNessuno
Subsetto uterinoEcografia 3DNon accertateNon stabiliti per casi come da classificazione ESHRE
TrombofiliaFattori II e V mutazioni, anticorpi anticardiolipina, ecc.Non accertate per l’impianto, utili per fasi successiveUtili nel prosieguo delle gravidanze non ci sono evidenze per utilità nell’impianto
Uso di cortisoneNessunoNessunaNessuno
Uso di antiossidantiNessunoEmpiricheNessuno
Uso di eparina senza documentazione di coagulopatieFattori della coagulazioneNessunaMai studiati
Uso di aspirinettaNessunoNessunoNessuno
Mutazioni del MTHFR Metilen-tetraidrofolato reduttasiTest genetico MTHFR-C677T e MTHFR-A1298C in omozigosi, eterozigoti o eterozigoti compositaIntegratori e vitamina B6Non stabiliti
Scratching endometrialeEvidenza di ripetuti fallimenti di impiantoGrattatura endometriale nel ciclo che precede il transferConflittuali e a oggi negativi

Vedere anche in L'impianto Embrionale

Potrebbe interessarti anche…

Carlo Bulletti - Specialista in ginecologia e ostetricia, Direttore Sanitario e responsabile del Centro di PMA Extra Omnes, Cattolica