MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Trattamento con ormone della crescita nei bambini nati piccoli per l'età gestionale (SGA)

Articolo

PUBBLICATO

Trattamento con ormone della crescita nei bambini nati piccoli per l'età gestionale (SGA)

Negli ultimi anni un gran numero di studi si sono concentrati sulle conseguenze del nascere piccolo per l'età  gestazionale (SGA Small for Gestational Age).

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Il termine SGA descrive quel neonato che alla nascita presenta un peso e/o una lunghezza al di sotto di - 2 Deviazioni Standard (DS) rispetto a quelle attese per la sua età  gestazionale. La deviazione standard è un indice che individua la variabilità  di un parametro; nel caso delle curve di crescita dei bambini la deviazione standard permette di dare un'idea di quanto un valore di altezza è alterato rispetto alla norma. Un'altezza inferiore a -2 deviazioni standard viene classificata fuori norma sotto 3° percentile. I percentili individuano delle fasce o intervalli di valori entro i quali un parametro può essere classificato (1). In accordo con tale definizione circa il 3% dei bambini nasce SGA.

Spesso il termine SGA è usato indistintamente rispetto a quello di ritardo di crescita intrauterino (IUGR Intrauterine Growth Retardation) ma ciò rappresenta un errore poiché le due parole anche se concettualmente correlate non sono sinonimi.

Un neonato piccolo per l'età  gestazionale non necessariamente è dipendente da un processo IUGR e allo stesso tempo un neonato nato dopo un breve periodo di ritardo di crescita intrauterino potrebbe non risultare SGA alla nascita (1).

Le due condizioni (SGA e IUGR) possono anche coesistere e ciò è associato ad un aumento della morbilità /mortalità  perinatale. Tale rischio è ovviamente aumentato se il neonato SGA/IUGR è pretermine.

Problematiche legate alla condizione SGA

1) Crescita

Un aspetto fondamentale nella valutazione del soggetto nato piccolo per l'età  gestazionale è la crescita (3).

Nel 90% dei casi i soggetti nati SGA presentano un periodo di recupero staturale (catch-up growth) che permette il raggiungimento di una statura all'interno dell'intervallo di normalità  e quindi superiore a -2 DS. Questo si realizza di solito nei primi 12 mesi di vita e si conclude intorno al secondo anno se il soggetto SGA è nato a termine mentre può realizzarsi fino al quarto anno se pretermine (4).

Nel restante 10% dei casi non si ha recupero staturale e ciò comporta un' evoluzione naturale differente con il rischio per questi bambini di avere una statura finale inferiore a -2 DS per età  e genere ed essere così soggetti di bassa statura.

Va infatti ricordato che nella popolazione adulta con bassa statura circa il 20% è costituito da soggetti nati piccoli per l'età  gestazionale.

In coloro i quali da adulti hanno recuperato il deficit di crescita tale recupero è avvenuto a circa 2 anni; per chi non recupera a 2 anni tale recupero non avverrà  più avendo una statura finale inferiore a -2 DS (5).

E' stato calcolato che per i bambini che non recuperano la statura entro i 2 anni di età  il rischio relativo di bassa statura (altezza finale inferiore a -2 DS) a 18 anni risulta 71 per una ridotta lunghezza e 52 per un ridotto peso alla nascita (5 6). Il rischio relativo esprime la probabilità  che l'esposizione ad un determinato fattore/fattori favorisca lo sviluppo di una malattia rispetto alla non esposizione a quel fattore in una stessa popolazione di soggetti. Se il RR è maggiore di 1 il fattore di rischio è implicato nel manifestarsi della malattia.

I soggetti SGA senza recupero staturale richiedono quindi un corretto inquadramento diagnostico e un appropriato approccio terapeutico con l'obiettivo di individuare l'eziologia e di valutare il possibile giovamento di una terapia farmacologia con ormone della crescita.