MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Terapia con Ormone della Crescita ricombinante: quando va continuata anche in età  adulta?

Notizia

PUBBLICATO

Terapia con Ormone della Crescita ricombinante: quando va continuata anche in età  adulta?

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi ha valutato se la terapia con Ormone della Crescita (GH dall'inglese Growth Hormone) ricombinante dovrebbe essere continuata anche in età  adulta nel caso in cui la carenza di GH naturale persista oltre l'adolescenza, indipendentemente della statura raggiunta.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Il GH è un ormone che attiva i processi di crescita a livello di tutti gli organi e tessuti dell'organismo. Se la sua produzione è insufficiente, si prescrive una cura a base di GH ricombinante, del tutto identico a quello naturale. In questo modo si prevengono le conseguenze di una carenza non curata, come bassa statura, scarso sviluppo di muscoli e ossa, problemi al cuore.

Gli autori hanno analizzato tutti gli studi presenti nella letteratura scientifica che hanno indagato, nei pazienti in fase di transizione dall'adolescenza all'età  adulta, i rischi e i benefici della terapia con GH ricombinante, la dose ottimale della terapia a base di GH ricombinante e le procedure e i criteri diagnostici utilizzati per definire la carenza di GH naturale in età  adulta e gli studi che hanno indagato gli aspetti da considerare nel passaggio dall'assistenza da parte di un endocrinologo pediatrico a quella di un endocrinologo per adulti.

Sulla base della revisione degli studi pubblicati, risulta auspicabile un proseguimento della terapia con GH durante il periodo di transizione all'età  adulta, fino al raggiungimento del picco di massa minerale ossea, piuttosto che l'interruzione della terapia quando è stata raggiunta una statura ritenuta soddisfacente. Il proseguimento della terapia a base di GH ricombinante in pazienti adulti che avevano raggiunto un'altezza soddisfacente, ma che avevano persistente carenza di GH naturale, si è associato infatti ad una maggiore "maturazione" dell'osso, rispetto a quanto osservato interrompendo il trattamento. I metodi e i criteri diagnostici più appropriati per definire la carenza di GH naturale in età  adulta e la dose ottimale di GH nella fase di passaggio all'età  adulta rimangono ancora da stabilire.

I ricercatori hanno concluso che, nei pazienti con carenza di GH naturale nell'età  adulta, è importante valutare l'opportunità  di continuare il trattamento con GH ricombinante. Una chiara comunicazione fra gli endocrinologici dell'età  pediatrica e quelli dell'età  adulta è necessaria per stabilire le modalità  di assistenza dei pazienti e l'opportunità  della terapia con GH ricombinante nel periodo di passaggio all'età  adulta.

Redazione Fondazione Cesare Serono

Fonte: Transition Care of Growth Hormone Deficient Patients from Pediatric Endocrinologists to Adult; Endocrine Practice 2011 Nov 8:1-34.