MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Una recente revisione della letteratura ha segnalato i vantaggi dei dispositivi per la somministrazione dell’ormone della crescita

Notizia

PUBBLICATO

Una recente revisione della letteratura ha segnalato i vantaggi dei dispositivi per la somministrazione dell’ormone della crescita

Due esperti hanno fatto il punto sull’uso dei dispositivi che permettono la somministrazione di ormone della crescita, in inglese growth hormone (GH), concludendo che essi hanno effetti positivi sull’aderenza alla cura e sulla sua efficacia.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Per ovviare alla mancanza o alla inadeguata produzione di GH è necessario assumere per molti anni, se non per tutta la vita, lo stesso ormone in forma di farmaco. Questa cura è indispensabile in bambini e ragazzi che, se non hanno livelli adeguati di GH nel sangue, non si sviluppano in maniera normale. E’ il caso ad esempio dei soggetti pediatrici con Sindrome di Turner o di quelli definiti Piccoli per Età Gestazionale. Nei malati di questa età, ancora di più che negli adulti, può diventare difficile ottenere un’attenzione adeguata all’assunzione dell’ormone. Per questo, sono stati messi a punto dispositivi, che possono essere definiti iniettori automatici, molto efficienti e che permettono di stabilire con precisione la dose di ogni somministrazione, di regolare la velocità con cui l’ago, che normalmente è “nascosto”, esce per il tempo necessario e di iniettare il farmaco, ma possono anche registrare quanto GH è stato assunto e a che ora. Raimer-Hall e Shea nel loro articolo sottolineano proprio i vantaggi offerti dai dispositivi più avanzati nel migliorare accettazione e aderenza nei confronti della terapia. Ad esempio, essi segnalano che le iniezioni eseguite con questi dispositivi sono meno dolorose e che essi semplificano anche i problemi di conservazione delle dosi di ormone.

Un passaggio fondamentale per ottimizzare l’uso degli iniettori automatici di GH, secondo gli autori, è quello di insegnare a genitori e bambini a usarli e in questo possono giocare un ruolo importante gli infermieri. Saranno loro, infatti, a spiegare le funzioni che il dispositivo ha e anche a mostrare come usarlo. Il parere di queste figure professionali, che hanno contatti frequenti e prolungati con i malati e le famiglie, è anche importante nella scelta del tipo di iniettore automatico di GH, dove ce n’è più di uno disponibile.

Tommaso Sacco

Fonte: Evolution of Growth Hormone Devices: Matching Devices with Patients; Pediatric Nursing, 2015 Mar-Apr;41(2):72-7.