Interferenti endocrini e sistema immunitario

Notizia |
Interferenti endocrini e sistema immunitario

Un gruppo di esperti statunitensi ha passato in rivista la letteratura scientifica dedicata alla relazione fra interferenti endocrini e sistema immunitario. Le evidenze disponibili hanno suggerito che gli effetti degli interferenti endocrini potrebbero spiegare le differenze, fra maschi e femmine, del rischio di sviluppare malattie autoimmuni.

Potrebbe interessarti anche…

Per molte malattie tende ad ampliarsi la differenza della frequenza con la quale si presentano nei maschi e nella femmine. Ciò vale, in particolare, per quelle autoimmuni e per quelle metaboliche. Negli stessi anni nei quali si è osservato questo andamento, si è assistito anche a un incremento della presenza di sostanze chimiche in molti prodotti di uso comune. Fra tali sostanze ci sono gli interferenti endocrini, chiamati da alcuni xenormoni, riferendosi al fatto che, una volta entrati nell’organismo, essi possono interagire con il sistema endocrino, ma da elementi “estranei” e determinando alterazioni nel suo funzionamento. La lista dei prodotti che contengono gli interferenti endocrini è molto ampia e va da quelli per l’igiene personale ai giocattoli, ai prodotti elettronici. A questi si devono aggiungere gli alimenti, che possono acquisire interferenti endocrini dal suolo o dall’acqua. Anche l’elenco degli interferenti endocrini è lungo. Popescu e colleghi hanno citato, ad esempio, i cosiddetti xenoestrogeni, cioè le molecole che, nell’organismo, imitano le attività degli estrogeni, ma alterando i meccanismi nei quali sono coinvolti. Appartengono a questa categoria di interferenti endocrini fenoli, parabeni e ftalati. Sulla base delle evidenze disponibili in letteratura, gli autori hanno delineato una relazione di questo tipo: gli interferenti endocrini altererebbero il funzionamento del sistema endocrino in maniera diversa tra maschi e femmine e questo porterebbe a modificare in modo variabile le risposte del sistema immunitario, creando diversi profili di rischio di sviluppare certe malattie. Un limite alla verifica di questa ipotesi è che gran parte degli studi che hanno valutato i meccanismi sui quali essa si basa sono stati eseguiti in modelli animali. Essi hanno permesso, ad esempio, di dimostrare che la velocità di produzione dei recettori degli estrogeni e degli ormoni, che a essi si legano in condizioni fisiologiche, è perfettamente bilanciata per generare stimoli che mantengono il funzionamento corretto anche delle cellule del sistema immunitario. Se a legarsi ai recettori sono xenoestrogeni come i fenoli, ad essi non si possono legare gli estrogeni naturali e così, a cascata, si alterano i meccanismi che dovrebbero mantenere il buon funzionamento anche del sistema immunitario. Sempre per questo tipo di interferente endocrino, dati epidemiologici ed evidenze di laboratorio concordano nell’indicare che il suo effetto sull’organismo possa avere un ruolo differente fra maschi e femmine nello sviluppo di malattie autoimmunitarie. Nell’articolo sono riportate informazioni anche su effetti simili attribuibili a parabeni e ftalati.

Nelle conclusioni gli autori hanno sottolineato che le evidenze disponibili in letteratura supportano un ruolo degli interferenti endocrini nel determinare differenze, fra maschi e femmine, dello sviluppo di malattie dovute ad alterazioni della funzione del sistema immunitario. Ciò riguarderebbe non soltanto le vere e proprie malattie autoimmuni, ma anche quei meccanismi che da precedenti infezioni virali portano all’attivazione di fenomeni di autoimmunità.                   

Tommaso Sacco

Fonte: Interplay Between Endocrine Disruptors and Immunity: Implications for Diseases of Autoreactive Etiology; Frontiers in Pharmacology 12:626107

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.