Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Densità minerale dell’osso in maschi e femmine di età compresa fra 35 e 50 anni

Notizia|timepubblicato il
Densità minerale dell’osso in maschi e femmine di età compresa fra 35 e 50 anni

Un gruppo di ricercatori degli Stati Uniti ha valutato la densità minerale dell’osso in maschi e femmine di età compresa fra 35 e 50 anni. I risultati hanno indicato che, in più del 25% di soggetti di ambo i sessi, era presente una ridotta densità minerale ossea

Potrebbe interessarti anche…

L’osteoporosi è una patologia caratterizzata da una ridotta densità minerale ossea e sono sempre state considerate a rischio più elevato di sviluppare questa condizione le femmine in menopausa. Bass e colleghi hanno valutato il rischio di una riduzione della densità minerale ossea in individui di ambedue i sessi e di età compresa fra 35 e 50 anni. Tutti hanno compilato un questionario finalizzato a quantificare: l’assunzione di calcio con la dieta, le ore settimanali di attività fisica e altri fattori potenzialmente correlati allo sviluppo di osteoporosi e osteopenia. La variabile primaria di efficacia è stata le densità minerale ossea misurata con uno specifico esame strumentale. Le parti dello scheletro nelle quali è stata eseguita la misurazione sono state: collo del femore, trocantere, cresta intertrocanterica, femore nel suo insieme e colonna vertebrale. Dei 173 soggetti arruolati, 23 maschi (28%) e 24 femmine (26%) avevano osteopenia, in particolare a livello del collo del femore, cioè quella parte dell’osso che è vicina all’anca. Nei maschi, si è rilevata una relazione significativa fra attività fisica svolta e densità minerale ossea del collo del femore (r= -0.296; p<0.01). Nelle femmine, l’analisi delle diverse relazioni ha evidenziato un’associazione positiva, e significativa dal punto di vista statistico, fra esercizio fisico e densità minerale ossea del trocantere (r=0.329; p<0.003), cresta intertrocanterica (r=0.285; p<0.01), femore nel complesso (r=0.30; p<0.01) e colonna vertebrale (r=0.29; p<0.01).

Nelle conclusioni gli autori hanno sottolineato che in più del 25% dei maschi e delle femmine si è osservata osteopenia e questo suggerirebbe l’opportunità di esami di screening per l’osteoporosi e di programmi di prevenzione dell’osteopenia nelle fasce di età a rischio perché questa alterazione evolve, a sua volta, in osteoporosi.        

Tommaso Sacco

Fonte: Bone Mineral Density Among Men and Women Aged 35 to 50 Years; The Journal of the American Osteopathic Association, 2019;119(6):357-363.