Le cause di deficit di ormone della crescita comparso in età adulta

Parere degli esperti |
Fact checked
Le cause di deficit di ormone della crescita comparso in età adulta

Gli articoli della sezione "Il parere degli esperti" riguardano alcuni fra gli argomenti più importanti e dibattuti delle rispettive aree cliniche. Dato il livello di approfondimento raggiunto, i testi possono contenere termini e concetti molto complessi. L’utilizzo del glossario potrà essere di aiuto nella comprensione di questi articoli e altri contenuti del sito, più divulgativi, contribuiranno a chiarire gli argomenti trattati.


La produzione di ormone della crescita (GH) è maggiore durante l’infanzia e l’adolescenza e diminuisce nell’età adulta, fino a essere pressoché assente nell’anziano. Molti effetti del GH sono in realtà legati all’IGF-1 (insulin-like growth factor 1), a sua volta prodotto dal fegato in risposta al GH stesso. Il GH promuove la crescita e lo sviluppo dell’intero organismo e in particolare:

Potrebbe interessarti anche…

  • stimola la crescita delle ossa e delle cartilagini di accrescimento;
  • promuove la crescita di tutti gli organi stimolando la replicazione delle cellule;
  • contribuisce al benessere psico-fisico. Inoltre, ha delle importanti azioni anche sul metabolismo;
  • “brucia” i grassi e ne riduce il deposito;
  • attiva il metabolismo degli zuccheri, aumentandone il tasso nel sangue;
  • stimola la sintesi delle proteine e accresce i muscoli.

Nell’adulto si perdono le funzioni del GH legate all’accrescimento, ma l’ormone continua ad avere importanti effetti legati al metabolismo, alla funzione cardiaca e al benessere psico-fisico della persona. Si può dire che il GH nell’adulto contrasti alcune delle problematiche legate all’invecchiamento e contribuisca a una migliore qualità di vita.

Si definisce deficit di GH l’insufficiente presenza nel sangue di ormone della crescita. Si distinguono “forme congenite”, che si manifestano sin dall’età infantile con bassa statura e ridotta velocità di crescita e “forme acquisite”, che possono esordire a qualsiasi età.

Il deficit di GH congenito, cioè presente sin dalla nascita, è in genere dovuto a cause genetiche o a malformazioni delle strutture della linea mediana. È in questo caso un deficit severo e persiste anche in età adulta.

Quando il deficit compare durante l’infanzia in genere è meno grave e spesso non si riesce a comprenderne la causa, il deficit viene pertanto definito “idiopatico”.

Il deficit di GH acquisito, a espressione sia nell’infanzia sia nell’adulto, può essere dovuto a varie cause.

  • Le più frequenti sono quelle tumorali, e fra queste i tumori benigni dell’ipofisi (adenomi ipofisari) che, crescendo, possono danneggiare la restante ghiandola e le stesse procedure (intervento chirurgico e/o radioterapia) per il trattamento degli adenomi. Cause più rare sono anche gli altri tumori della regione ipofisaria, come il craniofaringioma.
  • La patologia infiammatoria dell’ipofisi.
  • I traumi cranici anche di lieve entità.

Le cause del GHD nell’adulto sono quindi molteplici e gli adulti con deficit di ormone della crescita sono generalmente suddivisi in tre gruppi:

  • Deficit di ormone della crescita presente dall’infanzia (circa il 20% dei casi)
  • Sviluppo di un deficit di ormone della crescita in conseguenza di una malattia (o altro evento) durante l’età adulta
  • Pazienti con il cosiddetto deficit idiopatico di ormone della crescita in cui la causa reale non è chiara. Negli adulti questa situazione è molto rara.

Nell’adulto il deficit di GH è caratterizzato principalmente da cambiamenti nella composizione corporea, alterazioni metaboliche e cambiamenti psicologici. In particolare si osservano:

  • riduzione della massa muscolare e ridotta tolleranza all’esercizio fisico;
  • aumento della massa grassa, soprattutto a livello addominale, con aumento del rapporto vita/fianchi;
  • riduzione della densità ossea (osteopenia e osteoporosi) con aumentato rischio di fratture;
  • alterazioni dell’assetto lipidico, con aumento del colesterolo “cattivo” (LDL) e diminuzione del colesterolo “buono” (HDL);
  • alterazioni del metabolismo degli zuccheri con tendenza all’aumento dei livelli circolanti (insulino-resistenza);
  • riduzione della funzionalità cardiaca e respiratoria.

I cambiamenti psicologici associati al deficit di GH sono stati molto studiati. Gli adulti con deficit di GH si lamentano spesso di mancanza di energia e di perdita di interesse per le comuni attività. Comune è anche la tendenza all’isolamento sociale. A volte possono comparire depressione o riduzione del desiderio sessuale. In definitiva queste modificazioni comportano per l’individuo un aumentato rischio cardiovascolare e una ridotta qualità della vita.

Per confermare un deficit di GH è necessario un test di stimolazione. La diagnosi viene confermata se, in seguito al test di stimolazione, l’aumento dei livelli di ormone della crescita è minore rispetto al previsto. Il test di stimolazione è necessario dal momento che i livelli di ormone della crescita nel sangue variano in modo naturale nel corso della giornata. I livelli di GH possono inoltre essere influenzati da molti altri fattori, quali stress, livelli di zucchero nel sangue e peso corporeo della persona.

I sintomi del deficit di ormone della crescita negli adulti sono spesso aspecifici e possono essere associati a molte altre cause diverse dalla mancanza di ormone della crescita. Dovrebbero essere sottoposte al test le persone:

  • con una patologia ipotalamo/ipofisaria;
  • sottoposte a intervento chirurgico o a radioterapia per tumori;
  • con una lesione cerebrale (riportata in seguito a un incidente, ad esempio);
  • quelle con un deficit noto di altri ormoni prodotti dall’ipofisi.

Non è necessario eseguire un test da stimolo per GH negli adulti con deficit di 3 o più ormoni ipofisari e un livello di IGF-1 al di sotto del range di normalità. Questi pazienti hanno un’alta probabilità (>97%) di avere un deficit di ormone della crescita.

Nelle persone con deficit di ormone della crescita fin dalla nascita (deficit di GH congenito).

Nei pazienti che hanno iniziato il trattamento con GH durante l’infanzia e per i quali non è stata individuata una causa del deficit, è raccomandata l’esecuzione del test alla fine della crescita staturale e almeno 1 mese dopo l’interruzione del trattamento con l’ormone della crescita.

Il trattamento del deficit di ormone della crescita negli adulti può portare a una serie di benefici, anche se è bene considerare che non tutti i pazienti sperimentano tutti i possibili effetti benefici.

  • Miglioramento della funzione cardiaca
  • Riduzione dei livelli di colesterolo “cattivo”
  • Riduzione del grasso corporeo, aumento della massa muscolare
  • Aumento della massa ossea (riduzione del rischio di fratture)
  • Aumento dei livelli di energia fisica e della capacità di esercizio fisico
  • Miglioramento dell’umore

Bibliografia di riferimento

  • Bowen R. Hypothalamus and pituitary gland.
  • Bravenboer N, Holzmann PJ, ter Maaten JC, et al. Effect of long-term growth hormone treatment on bone mass and bone metabolism in growth hormone-deficient men. J Bone Miner Res 2005;20(10):1778-84.
  • Child Growth Foundation. Multiple Pituitary Hormone Deficiency (MPHD).
  • Genetics Home Reference. Combined pituitary hormone deficiency.
  • Götherström G, Elbornsson M, Stibrant-Sunnerhagen K, et al. Ten years of growth hormone (GH) replacement normalizes muscle strength in GH-deficient adults. J Clin Endocrinol Metab 2009;94(3):809-16.
  • Gunawardane K et al. Normal physiology of growth hormone in adults.
  • Hartman ML, Weltman A, Zagar A, et al. Growth hormone replacement therapy in adults with growth hormone deficiency improves maximal oxygen consumption independently of dosing regimen or physical activity. J Clin Endocrinol Metab 2008;93(1):125-30.
  • Ho KK; 2007 GH Deficiency Consensus Workshop Participants. Consensus guidelines for the diagnosis and treatment of adults with GH deficiency II: a statement of the GH Research Society in association with the European Society for Pediatric Endocrinology, Lawson Wilkins Society, European Society of Endocrinology, Japan Endocrine Society, and Endocrine Society of Australia. Eur J Endocrinol 2007;157(6):695-700.
  • Hoffman AR, Kuntze JE, Baptista J, et al. Growth hormone (GH) replacement therapy in adult-onset gh deficiency: effects on body composition in men and women in a double-blind, randomized, placebo-controlled trial. J Clin Endocrinol Metab 2004;89(5):2048-56.
  • Maison P, Griffin S, Nicoue-Beglah M, et al.; Impact of growth hormone (GH) treatment on cardiovascular risk factors in GH-deficient adults: a meta-analysis of blinded, randomized, placebo-controlled trials. J Clin Endocrinol Metab 2004;89(5):2192-9.
  • Molitch ME, Clemmons DR, Malozowski S, et al. Endocrine Society. Evaluation and treatment of adult growth hormone deficiency: an Endocrine Society clinical practice guideline. J Clin Endocrinol Metab 2011;96(6):1587-609.
  • Monson JP, et al. In: Adult growth hormone deficiency.
  • National Organization for Rare Disorders. ACTH deficiency.
  • Otto AP, França MM, Correa FA, et al. Frequent development of combined pituitary hormone deficiency in patients initially diagnosed as isolated growth hormone deficiency: a long term follow-up of patients from a single center. Pituitary 2015;18(4):561-7.
  • Saller B, Mattsson AF, Kann PH, et al. German KIMS investigators; Dutch KIMS investigators; Swedish KIMS investigators. Healthcare utilization, quality of life and patient-reported outcomes during two years of GH replacement therapy in GH-deficient adults–comparison between Sweden, The Netherlands and Germany. Eur J Endocrinol 2006;154(6):843-50.
  • Spielhagen C, Schwahn C, Möller K, et al. The benefit of long-term growth hormone (GH) replacement therapy in hypopituitary adults with GH deficiency: results of the German KIMS database. Growth Horm IGF Res 2011;21:1-10.
  • Yuen KCJ. In: Growth hormone stimulation tests in assessing adult growth hormone deficiency.

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.