MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Aderenza alla cura con ormone della crescita nei bambini

Notizia

PUBBLICATO

Aderenza alla cura con ormone della crescita nei bambini

Uno studio eseguito in Svezia ha valutato l’aderenza al trattamento con ormone della crescita (in inglese Growth Hormone: GH) in bambini che usavano un dispositivo automatizzato per eseguire l’iniezione (auto-iniettore) in grado di registrare la somministrazione del farmaco. L’utilizzo del dispositivo ha permesso di ottenere una percentuale molto elevata di adesione al trattamento.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

L’adesione al trattamento è un problema importante nei bambini affetti da carenza di ormone della crescita, in quanto un’inadeguata somministrazione della cura può comportare un arresto della crescita e altre conseguenze negative a carico di vari organi e apparati. D’altra parte, accettare, da bambini, l’idea di dover assumere ogni giorno per tanti anni un farmaco non è facile, tanto più se la somministrazione comporta un’iniezione. Inoltre, il passaggio dall’infanzia all’adolescenza presenta non poche criticità, da questo punto di vista, in quanto una maggiore autonomia dei figli allenta la capacità di controllo dei genitori anche su un aspetto critico come una cura di questo tipo.

La messa a punto di auto-iniettori per la somministrazione dell’ormone del GH ed il monitoraggio della terapia hanno avuto proprio l’obiettivo di facilitare l’aderenza alla cura. Questo studio, eseguito su 75 bambini, sia pre-puberi (che non avevano ancora avuto lo sviluppo puberale) che puberi, di ambo i sessi, ha valutato per più di un anno, in media, l’adesione al trattamento. Nell’insieme, l’utilizzo dell’auto-iniettore ha sensibilmente migliorato l’aderenza alla cura, rispetto a quanto accade di solito senza utilizzare questo tipo di dispositivo. La patologia all’origine della carenza di GH non ha influenzato l’aderenza, come anche il sesso dei bambini. Si è invece confermato che il rischio di una diminuzione dell’aderenza al trattamento è maggiore nei soggetti post-puberi, aderenza rilevata dell’89%, rispetto ai bambini pre-puberi: 97%.

Future ricerche su casistiche più ampie dovranno confermare i vantaggi rilevati con l’auto-iniettore nella cura delle carenze di GH nella popolazione pediatrica.

Tommaso Sacco

Fonte: Growth hormone treatment adherence in prepubertal and pubertal children with different growth disorders; Hormone Research in Paediatrics, Vol 80, No 1, 2013