MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

ABCD: la nuova denominazione dell’obesità

Notizia

PUBBLICATO

ABCD: la nuova denominazione dell’obesità

L’Associazione Americana degli Endocrinologi Clinici (American Association of Clinical Endocrinologists: AACE) e il Collegio Americano dell’Endocrinologia (American College of Endocrinology: ACE) hanno pubblicato un articolo nel quale propongono un nuovo nome per l’obesità: ABCD.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Due importanti Società Scientifiche di Endocrinologia degli Stati Uniti hanno proposto di chiamare l’obesità “malattia cronica basata sull’adiposità” che, in inglese, è Adiposity-Based Chronic Disease abbreviato in ABCD. Per adiposità si intende l’eccessivo accumulo nell’organismo di tessuto adiposo. L’intenzione dichiarata, a monte di tale proposta, è quella di chiarire che l’obesità è una malattia cronica. Infatti, nonostante da tempo istituzioni internazionali e nazionali e società scientifiche insistano nel suscitare verso l’obesità l’attenzione che merita una grave malattia cronica, molti continuano a considerarla un problema prevalentemente estetico o, più semplicemente, non lo percepiscono come malattia. Nell’articolo appena pubblicato, si ricorda che nell’obesità si attivano meccanismi ben definiti che innescano alterazioni, a carico di molti organi e apparati, che durano anni o tutta la vita. Ciò permette di caratterizzare l’obesità come una malattia cronica dovuta a un eccesso di tessuto adiposo.Sulla base di queste premesse e considerata la diffusione della condizione, AACE e ACE raccomandano di:

  • promuovere la salute delle persone proponendo importanti modificazioni delle abitudini di vita;
  • definire protocolli in grado di ottenere riduzioni stabili del peso e di gestire le complicanze riferibili all’eccesso di peso;
  • personalizzare l’intervento sul singolo soggetto adattandolo alle sue caratteristiche;
  • mettere a punto protocolli di valutazione e di cura che permettano di gestire l’ABCD efficacemente e per lungo tempo, dedicando particolare attenzione alle malattie che l’obesità, a sua volta, provoca.

Tutto questo, si precisa nella pubblicazione, va comunicato all’opinione pubblica per accantonare definitivamente tutte le false informazioni e le errate percezioni che si diffondono sull’obesità.

Tommaso Sacco

Fonte: Adiposity-Based Chronic Disease as a new diagnostic term: American Association of Clinical Endocrinologists and the American College of Endocrinology Position Statement; Endocrine Practice 2016, Dec 14.