Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Diagnosi del bambino nato piccolo per l’età gestazionale

Diagnosi del bambino nato piccolo per l’età gestazionale

Un neonato il cui peso è inferiore del 90% dei nati con la stessa età gestazionale (sotto il 10° percentile) è considerato “piccolo per l’età gestazionale” (SGA). Una diagnosi di SGA si fa generalmente quando il peso e/o la lunghezza alla nascita sono inferiori di almeno 2 deviazioni standard (SD) rispetto alla media per l’età gestazionale, utilizzando dati di riferimento appropriati.

Potrebbe interessarti anche…

La diagnosi è molto semplice e viene fatta presso il Centro Nascita. Per definire un neonato piccolo per la età gestazionale, è necessario effettuare una accurata identificazione del soggetto con una una precisa misurazione da effettuarsi al momento della nascita mediante strumentazione adeguata sia dalla collocazione delle misure ottenute su appropriate curve di crescita neonatali distinte per sesso, parità e  settimane gestazionali. Errori di misurazione o di datazione gestazionale o l’uso di curve non adeguate  spesso possono condizionare la mancata o l’erronea individuazione dei neonati dismaturi. In base ai dati antropometrici rilevati alla nascita, i neonati vengono classificati piccoli per la età gestazionale (SGA) quando presentano peso e/o lunghezza inferiori al 3° percentile rispetto alle curve di riferimento. Circa il 90%  dei bambini SGA presentano una velocità di crescita tale da determinare un recupero della statura che permette loro di raggiungere un normale centile in peso e in altezza già all’età di 2 anni. Tale recupero è massimo nei primi 6-12 mesi di vita. Quelli però che non recuperano un normale centile staturale entro i primi 24 mesi di vita sono generalmente destinati a rimanere permanentemente al di sotto del 3° centile ed a costituire la popolazione pediatrica e adulta di bassa statura. Il rischio relativo di bassa statura all’età di 18 anni tra i bambini SGA che non hanno recuperato la statura nei primi 2 anni di vita è pari a 5.2 % per quelli nati piccoli in peso e 7.1 % per quelli piccoli in lunghezza. La lunghezza alla nascita è infatti una importante variabile predittiva della statura da adulto insieme alla statura dei genitori.

I neonati possono essere più piccoli a causa dell’altezza dei genitori, di un malfunzionamento della placenta, per problemi di salute della madre o perché quest’ultima ha fumato o fatto uso di droghe o alcool durante la gravidanza a meno che non siano nati con un’infezione o con gravi problemi genetici, la maggior parte degli SGA non presenta sintomi e sta bene. Alcuni bambini nati piccoli presentano la stessa condizione da adulti.

Spesso un nato SGA è diagnosticato prima del parto. Durante la gravidanza, ci sono diversi modi in cui può essere stimata la dimensione del feto. L'altezza del fondo uterino (la parte superiore dell'utero di una madre) può essere misurata dall'osso pubico. Tale misurazione, possibile dopo la ventesima settimana di gestazione e rilevata in centimetri, di solito orienta il medico verso il numero di settimane di gravidanza. Se la misura è inferiore al previsto, potrebbe far ipotizzare un  bambino piccolo per la età gestazionale.

Sebbene molti SGA abbiano un basso peso alla nascita, non sono tutti prematuri e non tutti potrebbero incorrere in problemi legati alla prematurità. Altri bambini SGA, specialmente quelli con restrizione della crescita intrauterina (IUGR), sono esili, pallidi e dalla pelle flaccida e secca. Il cordone ombelicale è spesso sottile e dall’aspetto opaco, invece che lucido e grasso.

La diagnosi di solito si può fare prima e dopo la nascita. Tra le procedure diagnostiche sono inclusi i seguenti esami.

  • Prima del parto
    • Ecografia: L’ecografia (test con gli ultrasuoni per ottenere un’immagine delle strutture interne) è un metodo più accurato per stimare la dimensione del feto. Si possono misurare le dimensioni della testa e dell’addome del feto e, paragonandole ad una tabella di crescita, se ne può stimare il peso. La circonferenza addominale è un indicatore utile della nutrizione del feto.
    • Flussimetria: Un altro metodo di studio e diagnosi di IUGR durante la gravidanza è la flussimetria, che misura la pressione sanguigna tramite onde sonore. Il suono del sangue in movimento produce forme d’onda che riflettono la velocità e la quantità di sangue che scorre in un vaso sanguigno. Con questo esame, si può controllare il flusso  sia nel cervello che nel cordone ombelicale del feto.
    • Aumento di peso della madre: Anche il peso della gestante può dare indicazioni sulla crescita del bambino. Un basso incremento di peso durante la gravidanza potrebbe essere indice di un feto piccolo.
  • Dopo il parto
    • Valutazione gestazionale: I neonati sono pesati nelle prime ore successive al parto. Il peso viene comparato con l’età gestazionale del bambino e registrato. Alcuni medici per la diagnosi SGA usano una formula per calcolare la massa corporea del neonato; misurano, inoltre, anche la lunghezza del bambino e la circonferenza del cranio per categorizzare la restrizione di crescita come simmetrica o asimmetrica.
    • Esami diagnostici: tra cui l'ultrasonografia, i raggi X, la risonanza magnetica, i test per le infezioni, gli esami del sangue e i test genetici, potrebbero essere necessari per trovare la causa della restrizione di crescita.
    • Curve di crescita: Inoltre, è necessario l'uso appropriato delle curve di crescita di Bertino per una diagnosi accurata di SGA(6).

La maggior parte dei nati SGA recupera e raggiunge un’altezza nella media. Questo processo di recupero generalmente termina entro i primi due anni di vita del bambino. Circa il 10% dei bambini nati SGA non recupera e persiste una condizione di bassa statura in età adulta. Un bambino SGA di oltre 3 anni che presenti ancora una condizione di bassa statura (che resti quindi di almeno 2 variazioni standard sotto la media per l’età) non ha possibilità di recuperare e dovrebbe essere indirizzato da un pediatra esperto in endocrinologia (7).

Vedere anche in Il bambino nato piccolo per l’età gestazionale

Dott. Sabino Pesce - Unita Operativa Complessa di Malattie Metaboliche ed Endocrinologia Pediatrica, Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII, AOU Consorziale Policlinico Bari

Bibliografia

  1. Lee PA et al. International Small for Gestational Age Advisory Board consensus development conference statement: management of short children born small for gestational age, April 24-October 1, 2001, Pediatrics. 2003 Jun;111(6 Pt 1):1253-61.
  2. Daniel Zeve et al. Small at Birth, but How Small? The Definition of SGA Revisited Horm Res Paediatr 2016;86:357–360
  3. Lee PA et al. International Small for Gestational Age Advisory Board consensus development conference statement: management of short children born small for gestational age, April 24-October 1, 2001, Pediatrics. 2003 Jun;111(6 Pt 1):1253-61.
  4. Luangkwan S et al. Risk Factors of Small for Gestational Age and Large for Gestational Age at Buriram Hospital. J Med Assoc Thai. 2015 May;98 Suppl 4:S71-8.
  5. Houk CP, Lee PA. Early diagnosis and treatment referral of children born small for gestational age without catch-up growth are critical for optimal growth outcomes, Int J Pediatr Endocrinol. 2012; 2012(1): 11.
  6. E. Bertino, A. Coscia, Arch. Dis. Child. Fetal. Neonatal Ed. 2006
  7. Franklin SL, Geffner ME. Growth hormone: The expansion of available products and indications. Endocrinol Metab Clin North Am. 2009;38:587–611.
  8. Cronin MJ. Pioneering recombinant growth hormone manufacturing: Pounds produced per mile of height. J Pediatr. 1997;131:S5–7.
  9. Flodh H. Human growth hormone produced with recombinant DNA technology: Development and production. Acta Paediatr Scand Suppl. 1986;325:1–9.
  10. Hooker N. Comparison of growth hormone products and devices, London New Drugs Group October 2013, available here