MENU SEZIONE

Fattori psicologici e malattie psichiatriche

La specie animale in cui l’assunzione di cibo è più influenzata da fattori psicologici, che possono prevalere sui meccanismi automatici di soddisfazione dei bisogni essenziali, è quella umana. Infatti, per l’uomo e la donna i pasti e certi cibi assumono una rilevanza psicologica e sociale, che consolida abitudini che sono difficili da modificare quando è necessario applicare approcci per il calo di peso. Se mangiare un alimento gradito o cenare con gli amici è una valvola di sfogo per dimenticare preoccupazioni, ansia e depressione, può essere molto difficile rinunciarvi. Un esempio estremo degli effetti dei fattori psicologici sull’introduzione del cibo lo forniscono i disturbi del comportamento alimentare, alimentazione compulsiva, bulimia e anoressia, ma nei soggetti obesi o sovrappeso un rapporto non ottimale con il cibo contribuisce a determinare il problema.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Il rapporto fra malattie psichiatriche ed eccesso di peso è molto complesso e di difficile individuazione. In certi casi non è semplice comprendere se un soggetto è obeso perché è depresso o se è depresso perché è o si ritiene troppo grasso. E’ fuori dubbio che la presenza di una malattia psichiatrica non vada sottovalutata nella definizione di un quadro di eccesso di peso.

Vedere anche nella sezione Cause e fattori di rischio dell'eccesso di peso

Tommaso Sacco

Vedere anche: