MENU SEZIONE

Per conservare nel tempo un peso adeguato, cioè quello che si associa al migliore benessere fisico, è necessario che si mantenga un buon equilibrio fra le calorie introdotte con il cibo e quelle consumate con le funzioni di base dell’organismo e con l’attività fisica. Ciò vuol dire che la salute risente del bilancio energetico e quindi è importante anche poter misurare le componenti che lo determinano.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/

Bilancio energetico e peso corporeo

Tutti gli organismi viventi hanno in comune fra loro la tendenza naturale a raggiungere uno stato di equilibrio delle loro funzioni, che deve mantenersi nel tempo, anche e soprattutto in presenza di variazioni delle condizioni ambientali. Il bilancio energetico, o omeostasi dell’energia, consiste nel rapporto fra le calorie introdotte con gli alimenti e l’energia spesa dall’organismo per svolgere le sue funzioni. Nell’organismo si determinano un accumulo di energia nel tessuto adiposo, o una mobilizzazione delle riserve di energia, in base a com’è tale bilancio: positivo, in pareggio o negativo. L’energia introdotta e quella consumata vengono misurate in kiloJoule (kJ). Il joule è l’unità di energia e lavoro del Sistema Internazionale (SI). Solo una parte dell’energia presente nel cibo si rende disponibile per l’organismo. Quella contenuta nei polisaccaridi non assorbibili della fibra alimentare, ad esempio, viene eliminata con le feci. L’energia prodotta utilizzando le “materie prime”, cioè i substrati, alimenta il metabolismo e l’attività di tutte le cellule, vale a dire tutti i meccanismi cellulari che richiedono un dispendio di energia, una fra tutte: la contrazione muscolare. Quantità minori di energia vengono usate in altri processi, quali la produzione di energia termica e la produzione di secrezioni ed escreti.

Le unità di misura

Il kiloJoule è sicuramente la più moderna e standardizzata unità di misura dell’energia introdotta e consumata, ma si continua a usare anche la kilocaloria (kcal). Una caloria è la quantità di calore che fa aumentare di 1° grado centigrado la temperatura di un grammo di acqua ed è una quantità di energia molto piccola. Parlando di bilancio energetico dell’organismo, si preferisce utilizzare la kilocaloria (o grande caloria). Una kilocaloria (o Caloria con la C maiuscola), corrisponde a 1000 calorie ed è il calore richiesto per aumentare di 1° centigrado un kg di acqua.

1 kcal o una Cal = 1000 cal

1 kcal = 4184 joules = 4.184 kiloJoules

1.0 kiloJoule = 0.239 kcal

Si considera che la quantità media di energia introdotta quotidianamente con gli alimenti, da un individuo adulto in un paese sviluppato, sia compresa tra 1600 e 2400 kcal.

In questa sezione vedere anche

Tommaso Sacco

Vedere anche: