MENU SEZIONE

La carenza di ormone della crescita nell’età di transizione

La fase della vita che va dalla prima adolescenza, cioè dagli anni successivi alla pubertà, fino all’età adulta viene definita anche età di transizione perché durante quegli anni avvengono profondi cambiamenti nella struttura dell’organismo ai quali si accompagna anche un’evoluzione della psicologia dell’individuo. Di solito in questo periodo la massa delle ossa e dei muscoli raggiunge il livello più elevato e così anche la forza che l’individuo è in grado di esprimere. Gran parte di questi cambiamenti avviene solo se c’è un’adeguata produzione di GH, quindi essi possono essere fortemente compromessi nelle persone con carenze di GH, soprattutto se già presenti prima dell’età di transizione. Una possibile complicazione, nella gestione a lungo termine dei soggetti con carenza di ormone della crescita, è costituita dal fatto che, nell’età di transizione, essi non sono più gestiti dagli endocrinologi pediatri, che li hanno seguiti fino a quel momento, e non sono ancora assistiti dagli endocrinologi che si occupano della popolazione adulta. D’altra parte, è importante che nell’età di transizione si proceda a: confermare la diagnosi di carenza di GH, adeguare la dose di GH ricombinante assunta alla crescita dell’organismo, registrare efficacia ed eventuali effetti indesiderati delle cure e verificare la corretta assunzione del trattamento. In particolare per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, va tenuto conto del rischio che l’adolescente, che pensa di aver raggiunto l’altezza definitiva, interrompa l’assunzione del GH ricombinante. Questo può avere effetti molto negativi sulla salute dell’individuo perché solo continuando la terapia si mantengono la giusta composizione dell’osso e il corretto bilancio fra massa magra e massa grassa e si prevengono danni a carico del cuore e dei vasi.

COMPILA IL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE!
Vuoi sapere se sei soggetto a fattori di rischio o hai sintomi di disfunzioni tiroidee? Scoprilo qui!

fondazioneserono.org/questionari/
Effetti negativi dell’interruzione del GH Effetti positivi della continuazione del GH
Aumento della massa corporea Riduzione della massa grassa
Riduzione della massa magra Aumento della massa magra
Riduzione della massa muscolare Aumento della densità minerale dell’osso
Aumento del colesterolo totale Aumento della forza dei muscoli
Aumento del colesterolo LDL Riduzione del rapporto colesterolo LDL/HDL
Riduzione del colesterolo HDL Miglioramento della qualità della vita
Peggioramento dell’equilibrio psicologico Miglioramento di umore e comportamento

 

I controlli da eseguire periodicamente nei soggetti con carenza di ormone della crescita sono:

Vedere anche in Alterazioni dell’accrescimento e GH:

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI