SPID, guida all’identità nazionale per accedere ai servizi della PA

Notizia |
Fact checked
SPID, guida all’identità nazionale per accedere ai servizi della PA

Il Sistema Pubblico di Identità Digitale, o più semplicemente lo SPID, ha rivoluzionato negli ultimi tempi le nostre vite. Con un semplice clic possono essere scaricati documenti e pagamenti. Cosa è lo SPID è perché è importante averne uno?

Potrebbe interessarti anche…

Nel 2013 iniziano i lavori per la realizzazione del sistema pubblico di identità digitale, negli anni successivi si muovono i primi passi verso la sua attuazione e nel 2015 già sono accreditati i primi tre gestori, ai quali poi se ne aggiungeranno altri. Dal 15 marzo 2016 a giugno 2021 le identità digitali accertate sono più di 7mila. Lo SPID è un’unica credenziale e rappresenta l’identità del cittadino dal punto di vista digitale ed è riconosciuto dalla Pubblica Amministrazione per accedere a servizi pubblici italiani e degli altri Stati membri dell’Unione Europea.

La modalità d’accesso ai servizi è sempre identica e grazie allo SPID sono facilitati l’accesso e la fruizione di servizi online, semplificando il rapporto fra cittadini e uffici pubblici. Non solo il pubblico, anche il privato può essere facilitato dall’ingresso dello SPID.

Per attivarlo è sufficiente aver compiuto 18 anni, un documento d’identità valido (carta di identità, patente o passaporto), tessera sanitaria, una email e un numero di cellulare. Si accede a uno dei gestori di identità digitale (Identity Provider), si registrano i dati e si sceglie una modalità di riconoscimento e un livello di sicurezza da 1 a 3.

I gestori di identità al momento disponibili sono nove: Aruba, Infocert, IntesaID, Lepida, NamirialID, PosteID, Sielteid, SpidItalia e Tim Id.

La nostra identità è riconosciuta attraverso alcune modalità:

  • di persona, presentandosi agli uffici delle PA o delle postazioni convenzionate per verificare la propria identità;
  • via webcam, l’operatore mette a disposizione un selfie audio-video o un versamento simbolico a un bonifico bancario;
  • con CIE, carta d’identità elettronica, o passaporto elettronico, con alcune app è possibile scansionare i documenti;
  • con CIE, Carta Nazionale dei Servizi e tessera sanitaria e con firma digitale.

In base alle proprie esigenze, si possono scegliere tre livelli di sicurezza:

  • livello 1 accesso con nome utente e password
  • livello 2 accesso con credenziali di livello 1 e generazione di un codice temporaneo d’accesso OTP
  • livello 3 accesso con credenziali con soluzioni di sicurezza ed eventuali dispositivi fisici erogati dal gestore

Lo SPID permette, come scritto in precedenza, di accedere ai servizi online delle amministrazioni italiane. Si può anche accedere a servizi dell’Unione Europea che hanno aderito al nodo elDAS, il primo passo verso un’Europa completamente digitalizzata.

Fonte: SPID

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.