Spiagge accessibili in Puglia

Notizia |
Fact checked
Spiagge accessibili in Puglia

La Puglia è tra le regioni con molti stabilimenti accessibili grazie a iniziative private, pubbliche e al lavoro di associazioni. In questo articolo facciamo qualche esempio delle spiagge accessibili della Puglia.

Potrebbe interessarti anche…

Lido Pizzo a Gallipoli

Un’oasi di relax in mezzo alla natura con un mare da favola, il tutto accessibile anche per le persone con disabilità. Questo è quanto si può trovare a Lido Pizzo vicino Gallipoli.

Circondata da una pineta, Lido Pizzo è una spiaggia inclusiva, orientata alle famiglie. “Abbiamo sempre cercato di essere accessibili a tutti”, ci dice il proprietario Vincenzo.

“Ci siamo dotati fin da subito di una sedia job, il primo strumento indispensabile per consentire a chiunque di godere del mare”. Attraversare la pineta per arrivare alla spiaggia non è un problema perché una pedana in legno aiuta chi è in sedia a rotelle. Inoltre il personale è a completa disposizione per aiutare la persona con disabilità a godere pienamente delle ricchezze naturali del luogo.

Un piccolo pezzo di paradiso accessibile a tutti.

La Terrazza a San Foca

Una piccola striscia di spiaggia libera a San Foca (Marina di Melendugno), in provincia di Lecce, diventa un’area accessibile dove tutte le persone con disabilità, anche le più gravi, possono godere del bellissimo mare della Puglia. Questo è quello che abbiamo trovato alla Terrazza Tutti Al Mare.

Il progetto Io Posso nasce da Gaetano Fuso, affetto da SLA dal 2014, che ha voluto fortemente realizzare questo sogno, è reso possibile dal lavoro dell’Associazione 2HE. “E’ una struttura per persone con disabilità, ma non ospitiamo soltanto loro, anche tutti i loro famigliari, perché siamo su spiaggia pubblica e l’accesso è completamente gratuito”, ci racconta la Presidente della 2HE e moglie di Gaetano, Giorgia Rollo.

La Terrazza è una spiaggia unica. Potete trovare un box infermieristico attrezzato e personale addetto all’assistenza (OSS, infermieri, bagnino, grazie alla partnership con la Polizia di Stato, e coordinatori della struttura), sedie Job di tutti i tipi e per ogni esigenza, una passerella, docce esterne, bagni attrezzati e anche un sollevatore che permette il passaggio dalla sedia a rotelle al lettino.

Per le persone che hanno difficoltà di trasporto verso la spiaggia, c’è la possibilità di usufruire di un camper attrezzato.

Spiaggia Torre Ovo a Torricella (TA)

Quando un piccolo comune decide di rendere accessibili le proprie spiagge è sempre una bella notizia. Questo è quanto accade alla Spiaggia Torre Ovo nel Comune di Torricella, in Provincia di Taranto. Il progetto, che si chiama “Io vado al mare” è nato e sostenuto dall’assessore alle politiche sociali Paride Lomartire e dalle associazioni Torre Ovo & Friends e Delfini Jonici.

A Torre Ovo c’è una passerella e sei sedie job a disposizione per tutta la marina e, con l’aiuto dei volontari della protezione civile dell’associazione Delfini Jonici, la persona con disabilità può tranquillamente fare il bagno. Le spiagge sono pubbliche.

“Le nostre spiagge sono fondamentalmente libere e rimarranno comunque libere cercando di fare in modo che siano accessibili a tutti. In ogni spiaggia abbiamo fatto due-tre interventi per far arrivare chiunque quanto più vicino al mare possibile”, ci ha detto il Sindaco di Torricella Michele Schifone.

“Sono molto contento di questo progetto”, conclude Lomartire, “perché molte persone disabili, che fino a ieri probabilmente non riuscivano ad andare al mare, ora  grazie a questa iniziativa, possono farlo ”.

Spiaggia della Purità a Gallipoli

La Spiaggia della Purità è la spiaggia storica di Gallipoli. Una spiaggia libera che con l’aiuto di volontari e imprenditori locali è rimasta libera, ma ora è anche accessibile.

L’Associazione Spiaggia della Purità nasce spontaneamente “dalla volontà, e spinta da un forte senso civico, per garantire la pulizia della spiaggia” ci dice il Presidente Alessandro Freddo. “ Ci occupiamo della spiaggia da circa 10 anni e siamo affiancati da un gruppo nato dai social: Giù le mani dalla Spiaggia della Purità”.

“Ci tengo a sottolineare il fatto che è una spiaggia accessibilissima. Inizialmente abbiamo provveduto alla stesura di una passerella per garantire l’accesso sia ai diversamente abili, sia alle mamme con passeggini, ma ci siamo resi conti che non bastava e allora abbiamo pensato alle sedie Job” ci dice Alessandro Freddo.

Grazie ad una raccolta fondi promossa sui social, la spiaggia ha ora due sedie Job.

“Possiamo vantarci del fatto che diamo un servizio molto efficace, e notiamo di anno in anno un aumento delle persone che grazie alla nostra presenza hanno la possibilità di accedere al mare”, conclude il Presidente dell’Associazione Spiaggia della Purità.

Torre Quetta a Bari

Una spiaggia di ciottoli e ghiaia lunga tre chilometri può essere accessibile ed inclusiva? Certo. Si chiama Torre Quetta e si trova a Bari. “Avevamo un sogno che era quello di poter rendere una spiaggia fruibile ed avere un spazio aggregativo per antonomasia. Torre Quetta è una situazione pluriesperienziale”, ci racconta il Direttore Antonello Signorile.

Torre Quetta era una zona abbandonata piena di amianto. Tra il 2007 e il 2008 è stata bonificata e recuperata alla balneazione, ma mancavano i servizi, e allora è stato fatto un bando. “Essendo una spiaggia pubblica, abbiamo dato degli indirizzi: una spiaggia di tutti accessibile a tutti” ci spiega l’Assessore allo Sviluppo Economico Carla Palone. Ora a Torre Quetta ci possono andare tutti, anche le persone con disabilità.

I disabili motori e le persone con difficoltà fisiche, oltre alle job hanno a disposizione anche due Golf Car gratuite che possono portare dovunque, lungo i tre chilometri di spiaggia, chiunque ne abbia bisogno.

Non solo. E’ disponibile anche la Sea Track Tobea, una sedia mobile alimentata ad energia solare, che, tramite un binario, entra direttamente in acqua rendendo così la persona diversamente abile completamente autonoma per entrare ed uscire dal mare.

Torre Quetta è una spiaggia che si può vivere durante tutto il giorno con aree di ristoro, wi-fi gratis, aree relax, spazi per fare sport, una piscina per bambini, una zona dove si possono portare i cani. Durante i mesi estivi vengono organizzati anche eventi e concerti.

Una spiaggia aperta, inclusiva, priva di barriere.

Video: Marco Marcotulli

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.