Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Sex Education, la serie TV di Netflix punta su un personaggio disabile

Notizia |time pubblicato il
Sex Education, la serie TV di Netflix punta su un personaggio disabile

Sex Education è una delle serie TV più riuscite di Netflix: con ironia e realtà affronta il mondo e la scoperta della sessualità in un gruppo di adolescenti britannici. Nella seconda stagione, già disponibile da qualche mese sulla piattaforma online, ritroviamo anche un personaggio disabile: Isaac, interpretato dall’attore George Robinson.

Potrebbe interessarti anche…

George Robinson ha 22 anni ed è paraplegico dopo aver subito una lesione alla spina dorsale. La sua storia è famosa: a 17 anni si infortunò in Sud Africa mentre era in tour con la squadra di rugby della scuola. Durante un tackle, ha subito la rottura delle due vertebre C4 e C5, incidente che lo portò a passare più di un mese in ospedale in Sud Africa e a una lunga riabilitazione una volta rientrato in Gran Bretagna con il supporto della famiglia, della Federazione internazionale di rugby e molte star della palla ovale.

Un incidente che oggi descrive con il sorriso: “Facevo tanti sport prima, un po’ di corsa campestre e poi rugby… giocavo, ma non ero molto bravo. Ero magro e correvo veloce sulle fasce, mi sa che c’è un video di me che gioco su YouTube a 13 anni e facevo un tackle e se lo guardo penso: come diavolo non mi sono rotto l’osso del collo prima? La mia tecnica era totalmente disorganizzata…”.

Dopo aver ripreso la sua vita, George si è dedicato a un’altra delle sue passioni la recitazione. Aveva già recitato le sue prime parti a scuola prima di subire l’incidente che l’ha reso tetraplegico. E racconta in un’intervista: “Ho pensato: voglio riprendere a recitare? Recitando avevo trovato la gioia prima e non volevo perderla. È stato un aspetto di me stesso che non volevo perdere, quindi ho pensato: accettalo, George. Questo è il nuovo te stesso, devi essere sicuro di te. E mi ci sono buttato. Mi getto a capofitto su tutto… forse è una delle ragioni per cui sono su questa sedia”.

Al podcast di BBC dedicato alla disabilità, Ouch, Robinson ha anche raccontato i difficili anni subito dopo l’incidente superati anche grazie alla terapia psichiatrica e all’aiuto di un campione di rugby che ha avuto, sul campo, un simile incidente: Matt Hampson, un giocatore inglese della nazionale Under-21 che si infortunò in un match contro la Scozia. Matt visitò George in ospedale per dirgli “C’è una luce alla fine del tunnel”. Ai due presentatori ha anche raccontato la sua attuale condizione di salute: “Sono tetraplegico e non sento quasi nulla sotto i miei capezzoli, riesco a muovere bicipiti, le braccia e le mani”.

Come fa anche il personaggio che interpreta in Sex Education Isaac, un giovane con disabilità sarcastico e che - per chi ha visto la seconda stagione della serie TV - si metterà fra Ozzy e Maeve. Il possibile triangolo che si creerà fra i personaggi potrebbe essere uno dei subplot della prossima stagione della serie TV e Robinson potrebbe tornare a interpretare Isaac: “Empatizzo con lui”.

Nella serie TV vediamo come Isaac non è spesso “visto” o considerato, come nell’episodio in cui Maeve lo porta con sé alla festa di Ozzy, ma il ragazzo non può entrare in casa per via di una serie di scale. Isaac non si scoraggia e Maeve chiede al suo ex Jackson di portarlo in casa insieme al resto della squadra di football. L’interazione fra Isaac e i due personaggi principali è fondamentale per quello che il ragazzo realizzerà nell’episodio finale della seconda stagione. Un cliffhanger, un finale sospeso che conferma la partecipazione alla prossima stagione di George Robinson.

Il giovane attore inglese però ha un sogno nel cassetto, interpretare il Professore X in X-Men: “Se ci sarà mai un remake, sono sempre disponibile. Sono pronto a rasarmi la testa. Resto aperto su tutto, a essere onesto. Se sia commedia o altro, ci sono per tutto. Non voglio limitarmi… ok, un biopic su Martin Luther King è fuori discussione, ma non si sa mai!”

Chiara Laganà

Fonti: Teen Vogue, BBC