San Benedetto del Tronto: Una sedia Job ogni 500 metri

Notizia |
San Benedetto del Tronto: Una sedia Job ogni 500 metri

Tra le varie iniziative comunali per rendere le spiagge accessibili, ci piace sottolineare l’iniziativa del comune di San Benedetto del Tronto che ha organizzato, lungo il litorale, postazioni provviste di sedia Job a disposizione di chiunque ne faccia richiesta.

Potrebbe interessarti anche…

“Grazie a questo progetto abbiamo una sedia Job ogni 500 metri del nostro litorale”, ci spiega Emanuela Carboni, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di San Benedetto del Tronto. Tutto questo “grazie all’intervento dei bagnini del servizio di salvataggio, che sono a disposizione per dare al disabile la sedia, e agli stabilimenti balneari che fornisco tutte le informazioni su come utilizzare questo servizio. Un progetto per il quale in Comune di San Benedetto del Tronto deve ringraziare l’associazione Michele per tutti che ha dotato il comune di tre sedie Job”.

“Il progetto funziona in questo modo: nel momento in cui viene una persona a chiedere la sedia Job, mi rivolgo al bagnino che fa riferimento alla torretta dove è situata questa Job, e, tempo 5-10 minuti, questa viene consegnata e messa a disposizione della persona disabile” ci spiega il titolare dello Chalet La Bussola.

Con questo sistema, di fatto tutte le spiagge di San Benedetto del Tronto sono accessibili perché le sedie sono a disposizione di tutti gli stabilimenti, anche in quelli che non sono vicini a una torretta con Job. Informazioni sulle sedie si possono chiedere ai seguenti stabilimenti:

“Naturalmente, questo progetto rappresenta un punto di partenza. Il nostro obiettivo nei prossimi anni è dotare il nostro litorale di una sedia Job ogni 50 metri”, conclude l’Assessore.

Simon Basten
Video: Marco Marcotulli

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.