Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Il reddito di emergenza

Notizia|timepubblicato il
Il reddito di emergenza

Il Reddito di emergenza (Rem) istituito con il decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, è una misura straordinaria di sostegno al reddito introdotta per supportare i nuclei familiari in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, in possesso di determinati requisiti di residenza, economici, patrimoniali e reddituali indicati all’articolo 82 del decreto stesso. L’Inps, in una recente circolare, ne illustra i requisiti d’accesso.

Potrebbe interessarti anche…

Come richiedere il Rem

Il Rem si può richiedere all’Inps entro il 31 luglio 2020 presentando domanda attraverso:

  • il sito dell’Inps autendicandosi con PIN, SPID, Carta Nazionale Dei Servizi e Carta d’Identitità elettronica;
  • tramite un patronato;
  • attraverso un centro di assistenza fiscale.

La domanda va presentata da uno dei componenti del nucleo familiare, individuato come il richiedente il beneficio, in nome e per conto di tutto il nucleo familiare.

Requisiti

Il richiedente il Rem deve essere residente in Italia al momento di presentazione della domanda. La norma non prevede una durata minima di permanenza.

I requisiti economici sono vari. Intanto il reddito familiare nel mese di Aprile 2020 deve essere inferiore alla soglia corrispondente all’ammontare del beneficio. Per il mese di aprile 2020, la soglia del reddito familiare per il diritto al beneficio è determinata moltiplicando €400 per il valore della scala di equivalenza pari a 1 per il primo componente del nucleo familiare ed incrementato di 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni e di 0,2, per ogni ulteriore componente minorenne. In questa tabella, l’Inps fornisce un esempio. Questo esempio è utile anche per capire quanto verrà erogato.

Composizione nucleoScala di equivalenzaImporto Rem
Un adulto1€400
Due adulti1,4€560
Due adulti e un minorenne1,6€640
Due adulti e due minorenni1,8€720
Tre adulti e due minorenni (1)2€800
Tre adulti, e due minorenni  (uno componente con disabilità grave) (2)2,1€840

(1) La scala di equivalenza in questo caso sarebbe di 2,2 ma, secondo la norma, non può essere superiore a 2, dunque viene ridotta

(2) Anche qui la scala sarebbe di 2,2, ma viene calata a 2,1, cosa possibile come definito ai fini ISEE quando c’è la presenza di una persona con disabilità grave.

Inoltre il valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 (verificato al 31 dicembre 2019) deve essere inferiore a €10.000. Tale soglia è elevata di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo e fino a un massimo di €20.000. La soglia e il massimale sono incrementati di €5.000 per ogni componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’ISEE.

Ultima condizione economica è un valore ISEE inferiore a €15000, attestato dalla DSU valida al momento della presentazione della domanda.

Il Rem è incompatibile con:

  • le indennità COVID-19;
  • le prestazioni pensionistiche, con l’eccezione dell’assegno ordinario di invalidità;
  • i redditi da lavoro dipendente a cui retribuzione lorda complessiva sia superiore alla soglia massima di reddito familiare;
  • con il reddito e la pensione di cittadinanza.

Erogazione

In caso di accoglimento, il Rem è erogato per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione della domanda. Quindi, se la domanda è presentata entro il 31 maggio 2020 saranno erogate le mensilità di maggio e giugno, mentre se è presentata nel corso del mese di giugno 2020 saranno erogate le mensilità di giugno e luglio 2020.

Simon Basten

Fonte: Inps