Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Rapporto-medico paziente: Ognuno deve fare la sua parte

Notizia |time pubblicato il
Rapporto-medico paziente: Ognuno deve fare la sua parte

Ogni paziente ha i suoi diritti, ma ha anche doveri. Ogni medico ha doveri, ma ha anche diritti. Questo è uno dei punti fermi del vademecum di Cittadinanzattiva sul rapporto medico cittadino, parte della campagna promossa in collaborazione con associazioni di pazienti, esperti e oltre 20 tra organizzazioni di professionisti e strutture sanitarie.

Potrebbe interessarti anche…

Secondo Cittadinanzattiva, otto cittadini su dieci segnalano poca sensibilità nell’ascolto o poca empatia, una su tre trova nel medico scarsa disponibilità a orientarla tra i servizi, una su 4 si confronta con un linguaggio troppo tecnico e poco comprensibile e una su 5 ha vissuto scarsa attenzione al dolore. Il medico invece si lamenta di mancanza di tempo per la cura, mancanza di personale e una cattiva organizzazione dei servizi. Inoltre, si lamenta che manca un corso di comunicazione e relazione nel percorso di laurea. Quest’ultima lamentela era stata fatta anche oltre oceano (link).

Ma quali sono questi diritti e doveri? Vediamoli in queste tabelle.

 

Diritti Cittadini Diritti Medico
Avere il giusto tempo di ascolto Esercitare la propria professionalità
Ricevere informazioni comprensibili Essere rispettato
Condividere percorsi di cura Non assecondare ogni richiesta
Ricevere cure in sicurezza Essere informato dal cittadino
Non soffrire inutilmente Lavorare nelle migliori condizioni

 

Diritti Cittadini Doveri Medico
Non sostituire il web o il passaparola al medico Rispettare e ascoltare
Collaborare con il medico Informare
Rispettare le persone Ridurre o alleggerire la burocrazia
Rispettare gli ambienti e gli oggetti Interagire e confrontarsi con altri professionisti
Segnalare disfunzioni Segnalare

 

“Questo lavoro è il risultato di un percorso fatto insieme a molti compagni di viaggio. Mi riferisco soprattutto alla Federazione nazionale degli ordini dei medici perché i cambiamenti non si fanno solo a colpi di legge, ma si realizzano soprattutto con le azioni quotidiane e con le collaborazioni autentiche, come queste”, ha dichiarato Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva. “Siamo partiti dalla necessità di agire su aspetti cruciali, generati in parte da comportamenti individuali, in parte da carenze organizzative o disposizioni cieche. Tutto ciò rischia di trasformarsi in conflitti e contenziosi evitabili e che danneggiano la relazione ed il successo delle cure. Per questo abbiamo realizzato un decalogo, cioè dieci consigli per essere consapevoli dei rispettivi diritti e doveri, indicati nella Carta europea dei diritti del malato e nel Codice deontologico dei medici. E’ questo il modo semplice e chiaro con il quale vogliamo aiutare medici e cittadini a mettere in pratica ogni giorno i propri diritti e doveri.”

Il vademecum è disponibile a questo link http://www.curadicoppia.it/files/vademecum.pdf

Simon Basten

Fonte: Cittadinanzattiva