Un QR-Code per attestare l’invalidità

Notizia |
Fact checked
Un QR-Code per attestare l’invalidità

L’INPS, da qualche mese, ha lanciato una rivoluzione tecnologica che cambia la vita di moltissime persone con disabilità: un QR-Code dell’invalidità civile che dà la possibilità di attestare verbali di invalidità, cecità, sordità, handicap e disabilità usando semplicemente smartphone e tablet, evitando il cartaceo.

Potrebbe interessarti anche…

Un nuovo metodo che permette di accedere ai benefici (sconti, esenzioni, accessi preferenziali, assistenza, sgravi fiscali, etc.) in modo semplice e veloce attraverso un codice a matrice che memorizza informazioni leggibili da tutti i dispositivi mobili in nostro possesso. Le informazioni contenute nel QR-Code sono tutte attendibili perché legate all’interessato e non a un verbale e contengono informazioni sempre aggiornate. Eventuali aggravamenti, revisioni, verifiche sono registrati nel codice che non può essere richiesto per i verbali di invalidità emessi prima del 1° gennaio 2010.

Per ottenerlo bisogna collegarsi al sito dell’INPS e inserire le proprie credenziali. Il codice viene creato automaticamente ed è scaricabile in formato PDF che può essere stampato, salvato nel proprio computer o dispositivo e sarà mostrato qualora venisse richiesto al posto del certificato diventato ormai obsoleto. La lettura del QR-Code permette anche di accedere a eventuali agevolazioni. Una volta ottenuto è interesse del cittadino conservarlo, ma qualora venisse smarrito si può recuperare nella funzionalità “Consultazione”.

Una volta generato, il codice può̀ essere stampato o conservato in formato digitale ed esibito in tutte le occasioni in cui si renda necessario per accedere alle agevolazioni previste dalla normativa. Le informazioni relative alla persona vengono verificate in tempo reale, semplicemente inquadrando il codice con uno smartphone. L’operatore dovrà poi inserire il codice fiscale della persona con disabilità per verificare i dati del codice e quelli degli archivi dell’INPS.

Le informazioni contenute nel codice vengono a questo punto verificate dall’operatore con due livelli di esiti. Basterà leggere il codice con un lettore di QR-Code per controllare lo stato di invalidità civile, cecità, sordità, disabilitò o handicap. Se il caso lo richiedesse, si può chiedere anche un esito più approfondito e, in alcuni casi, oltre alla lettura del QR-Code si dovrà inserire anche un codice OTP che sarà inviato al cellulare dell’interessato.

Il primo invia questo messaggio: ““Esito lettura del QR-Code: alla data odierna, l’interessato rientra in almeno una delle casistiche sotto elencate”. Le categorie sono:

  • invalido con giudizio superiore o uguale al 34%, minore invalido;
  • titolare di indennità di accompagno;
  • cecità parziale o assoluta;
  • sordità;
  • titolare della legge n° 104/1992 (Articolo 3, comma 1 e 3).

L’esito di secondo livello riguarda particolari agevolazioni che contengono il giudizio sanitario o il grado di invalidità legato allo stato di invalidità del possessore del codice. Per ottenerlo bisogna seguire le seguenti modalità:

– dopo aver avuto l’esito di primo livello cliccando su un tasto l’operatore accede alle informazioni aggiuntive sul richiedente;

  • tramite l’inserimento di un codice OTP, inviato via SMS a un cellulare che l’interessato ha inserito fra i suoi contatti. Il servizio invia il codice OTP al cellulare dell’interessato fornito all’operatore nel corso della registrazione;
  • il codice OTP può essere poi inserito nel servizio online di verifica;
  • l’operatore visualizza un messaggio composto dinamicamente e la verifica avviene in tempo reale negli archivi dell’INPS e gli vengono mostrati tutti i giudizi che l’interessato possiede, la percentuale di invalidità associata al suo profilo ed eventuali benefici legati al suo profilo.

Link per creare il QR-Code

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.