MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Pensione anticipata per chi assiste familiari disabili

Notizia

PUBBLICATO

Pensione anticipata per chi assiste familiari disabili

Il lavoratore che assiste un proprio familiare disabile avrà la possibilità di andare in pensione quattro anni prima. Questa possibilità è stata inserita nell’accordo sulle pensioni siglato tra il governo e i sindacati il 28 settembre.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La scorsa settimana governo e sindacati hanno siglato un accordo sulla riforma delle pensioni ed in particolare hanno abbozzato  la possibilità, per alcune categorie di lavoratori, di applicare uno scivolo di uscita dal lavoro prima dei 67 anni attualmente necessari per la pensione di vecchiaia ed andare in pensione a 63 anni.

Molti dettagli dovranno ancora essere definiti, ma i lavoratori interessati saranno quelli che a 63 anni matureranno entro i 3 anni e 7 mesi la pensione di vecchiaia non inferiore ad un importo ancora da definire. L’accesso all’anticipo della pensione sarà su base volontaria e nel caso di un lavoratore appartenente alle categorie svantaggiate, il costo sarà totalmente a carico dello Stato.

Secondo il verbale dell’incontro del 28 settembre, queste categorie svantaggiate includeranno “lavoratrici e lavoratori ritenuti in condizioni di maggior bisogno, sulla base di requisiti quali (a) lo stato di disoccupazione (e assenza di reddito), (b) la gravosità del lavoro (pesante o rischioso) per la quale la permanenza al lavoro in età più elevata aumenta il rischio di infortunio o di malattia professionale, (c) le condizioni di salute, (d) i carichi di lavoro di cura legato alla presenza di parenti di primo grado conviventi con disabilità grave”.

Simon Basten

Fonti: Ministero del Lavoro, Affari Italiani