OLTRE: oltre il pregiudizio, oltre la disabilità

Notizia |
OLTRE: oltre il pregiudizio, oltre la disabilità

O L T R E – oltre il pregiudizio / oltre la disabilità, cortometraggio prodotto dalla Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (FISH) grazie al Progetto JobLab (2018/2020), è rivolto a chi di disabilità ne sa poco o nulla e magari pensa che sia una condizione inconciliabile con il lavoro. L’obiettivo di questo video è di fargli cambiare idea.

Potrebbe interessarti anche…

JobLab – Laboratori, percorsi e comunità di pratica per l’occupabilità e l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità, è un progetto della FISH con l’obiettivo di affrontare il tema del diritto al lavoro delle persone con disabilità, consapevoli che l’ambito lavorativo è quello dove è più evidente la discriminazione e la mancanza di pari opportunità. Il progetto si propone di aggredire costruttivamente lacune, resistenze, ritardi, favorendo fra tutti gli attori del sistema la condivisione attiva della conoscenza e delle buone prassi, l’elaborazione e la sperimentazione partecipata di modelli e soluzioni efficaci e praticabili, il confronto sulla gestione di casi concreti, la costruzione di accomodamenti ragionevoli, la maturazione della consapevolezza e degli strumenti per il contrasto alla discriminazione.

Il cortometraggio è diretto da Ari Takahashi e vede la partecipazione straordinaria di Gabriele Di Bello, giovane attore reduce dalla fortunata fiction “Ognuno è perfetto” passata su Rai Uno a fine 2019. Ed è proprio il personaggio di Gabriele a fare da collante, avvicinando ignari passanti a differenti disabilità, storie, difficoltà ma anche “imprevedibili” risorse e strategie, e contribuendo alla loro consapevolezza.

“Il progetto JobLab”, annota Carlo Giacobini che ne è il responsabile,  “ha molto puntato su differenti strumenti sia di generale consapevolezza, come questo corto, ma anche altri prodotti come i recitati e i podcast di interviste disponibili sul canale Youtube, sia su indagini e approfondimenti di taglio decisamente più specialistico, anche questi a disposizione di tutti. La convinzione infatti è che l’inclusione lavorativa comporti competenze, condivisioni di saperi, approfondimenti che interessano attori e contesti anche molto diversi.”

Simon Basten

Fonti: JobLab, FISH

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.