Part-time e permessi 104

Notizia |
Part-time e permessi 104

Nel caso di trasformazione del rapporto di lavoro in un part-time verticale, il lavoratore può continuare ad usufruire dei permessi della Legge 104 ma solo se il nuovo orario settimanale è più della metà dei giorni della settimana lavorativa (per esempio 4 su 6). Questo è quanto è stato sentenziato dalla Corte di Cassazione in una recente sentenza.

Potrebbe interessarti anche…

Ci sono tre tipi di lavoro part-time:

  • Part-time orizzontale, dove si lavora tutti i giorni ma per meno ore, per esempio lavorare 5 ore al giorno invece di 8;
  • Part-time verticale, dove l’orario di lavoro è a tempo pieno ma vengono ridotte le giornate di lavoro, per esempio lavorare 3 giorni alla settimana;
  • Part-time misto, con una combinazione sia orizzontale che verticale.

Ai lavoratori dipendenti con disabilità grave riconosciuta ai sensi dell’art. 3, comma 3, della Legge 104/92 e ai lavoratori dipendenti che prestano assistenza ai loro familiari con disabilità grave, vengono concessi, in presenza di determinate condizioni, permessi e periodi di congedo straordinario retribuiti: riposi orari giornalieri di 1 ora o 2 ore a seconda dell’orario di lavoro oppure 3 giorni di permesso mensile, frazionabili anche in ore.

In caso di lavoro part-time orizzontale, il lavoratore ha diritto ai tre giorni mensili canonici, mentre nel caso di part-time verticale, i permessi vengono proporzionati alle giornate lavorate settimanalmente.

Con questa sentenza, la Cassazione indica che nel caso si superi la metà delle giornate settimanali, anche il lavoratore con part-time verticale ha diritto ai tre giorni per intero e non devono essere ricalcolati.

Simon Basten

Fonti: Studio Cataldi, Ital Uil, Biancolavoro

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.