MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

ISEE ristretto per tutti

Notizia

PUBBLICATO

ISEE ristretto per tutti

Risulta chiaro dal documento dell’INPS che risponde alle domande più frequenti sull’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), che va applicato l’ISEE ristretto per tutti i servizi di natura sociale rivolti alle persone con disabilità. Questo è quanto ha pubblicato la Lega per i diritti delle persone con disabilità (LEDHA) in un parere legale.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

L’ISEE ristretto, che limita il nucleo familiare nel calcolo solo a coniuge e ai figli, si deve applicare anche alle prestazioni sociali laddove siano inserite in percorsi di natura socio-sanitaria.

La LEDHA evidenzia che nel documento dell’INPS, a pagina 47, alla domanda “quale ISEE richiedere per concedere prestazioni agevolate (integrazioni rette) in ordine alla frequenza di un CSE?”, l’istituto risponde in questo modo:

"Nella definizione di prestazione agevolate di natura sociosanitaria il DPCM 159/2015 fa rientrare anche il concetto di altri interventi rivolti alle persone con disabilità: in effetti tale definizione è così ampia da ricomprendere sia le prestazioni sanitarie a rilevanza sociale che quelle sociali a rilevanza sanitaria, (...). In estrema sintesi si afferma che il CSE deve essere ricompreso tra i servizi per cui chiedere l'ISEE sociosanitario purché la persona abbia ottenuto il riconoscimento formale del grado di disabilità non autosufficienza”.

Gaetano De Luca, avvocato del Centro Antidiscriminazione Franco Bomprezzi di LEDHA sottolinea che “conformemente a quanto già affermato dal nostro servizio legale, INPS ritiene che tutti i servizi, sia quelli di natura sociale, sia quelli di natura sociosanitaria rivolti alle persone con disabilità siano da ricomprendere nella nozione di prestazione agevolata di natura sociosanitaria. E quindi debba essere applicato l'ISEE ristretto”.

“Auspichiamo che, sulla base di quanto affermato dall'Inps in questa risposta, la Regione Lombardia intervenga sulle linee guida pubblicate lo scorso marzo e le modifichi – conclude Alberto Fontana, presidente LEDHA - Applicando così un criterio che garantisca un'equa compartecipazione alle spese per le persone con disabilità”.

Numerosi Comuni, oltre la Regione Lombardia, hanno finora escluso alcuni servizi rivolti alle persone con disabilità da quelli per cui è possibile richiedere l’applicazione dell’ISEE ristretto. Ora dovranno ritornare sui propri passi.

Simon Basten

Fonte: LEDHA

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI