MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Esenzioni per reddito

Notizia

PUBBLICATO

Esenzioni per reddito

Oltre alle esenzioni per chi soffre di una malattia o è invalido, c’è anche l’esenzione per reddito. Il diritto è previsto per alcune condizioni personali e sociali associate a determinate situazioni economiche.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Il cittadino che ne ha i requisiti può effettuare senza alcuna partecipazione al costo (ticket), tutte le prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e altre prestazione specialistiche garantite dal Servizio Sanitario Nazionale necessarie ed appropriate alla propria condizione di salute. L’esenzione non include le prestazioni farmaceutiche.

Chi è esente per reddito

Hanno diritto all’esenzione per reddito i cittadini che appartengono alle seguenti categorie:

  • Cittadini di età inferiore a sei anni e superiore a sessantacinque anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito annuo complessivo non superiore a 36.151,98 euro.
  • Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico.
  • Titolari di pensioni sociali e loro familiari a carico.
  • Titolari di pensioni al minimo di età superiore a sessant'anni e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico.

Note

  1. Per "nucleo familiare" si intende il nucleo rilevante a fini fiscali (e non anagrafici), composto dall'interessato, dal coniuge non legalmente separato e dagli altri familiari fiscalmente a carico. Il coniuge fa sempre parte del nucleo fiscale anche se è fiscalmente indipendente (e presenta autonomamente la propria dichiarazione dei redditi) o non convivente (risiede in un’abitazione diversa da quella del coniuge). A seguito della legge 20 maggio 2016, n. 76, anche le persone dello stesso sesso unite civilmente, fanno parte dello stesso nucleo fiscale. Il minore di anni sei appartiene al nucleo fiscale dei genitori se coniugati. In caso di genitori conviventi, il minore di anni sei appartiene a nucleo fiscale del genitore cui il minore è fiscalmente a carico. Nel caso in cui il bambino sia fiscalmente a carico di entrambi i genitori, è possibile scegliere la situazione più favorevole, vale a dire considerare il bambino appartenente al nucleo del genitore il cui reddito non supera il limite previsto (€ 36.151,98).
  2. Per "familiari fiscalmente a carico" si intendono i familiari per i quali l'interessato gode di detrazioni fiscali (in quanto titolari di un reddito annuo inferiore a 2.840,51 euro). Le categorie di familiari a carico sono definite dall’art. 12 del TUIR (Testo unico imposte sui redditi).
  3. Il reddito annuo complessivo del nucleo familiare è pari alla somma dei redditi dei singoli membri del nucleo.
  4. Ai fini dell'esenzione per motivi di reddito, è necessario prendere in considerazione il reddito complessivo dell'anno precedente.
  5. Il termine "disoccupato" è riferito esclusivamente al cittadino che abbia cessato per qualunque motivo (licenziamento, dimissioni, cessazione di un rapporto a tempo determinato) un'attività di lavoro dipendente e sia iscritto al Centro per l’impiego in attesa di nuova occupazione. Non può considerarsi disoccupato il soggetto che non abbia mai svolto attività lavorativa, né il soggetto che abbia cessato un’attività di lavoro autonoma, né chi è in cassa integrazione guadagni, sia essa ordinaria che straordinaria. Sono, invece, equiparati ai disoccupati i soggetti in mobilità.

Come fare per avere il diritto di esenzione per reddito

Per capire se si ha il diritto all’esenzione per reddito bisogna:

  • individuare chi sono i familiari a carico
  • sommare i redditi lordi complessivi di tutti i componenti della famiglia
  • verificare se il totale rientra nei parametri di reddito indicati all’inizio dell’articolo.

Il riconoscimento del diritto all’esenzione per reddito viene rilevato attraverso la presenza in una lista che viene fornita dall’Agenzie delle Entrate alla regione, Asl ed ai medici di famiglia aggiornato ogni anno il 1 Aprile. Il medico prescrittore, al momento della compilazione della prescrizione di prestazione specialistica ambulatoriale, verifica, su richiesta del cittadino, se ha diritto all’esenzione ed eventualmente inserisce il codice sulla ricetta.

C’è la possibilità che alcune categorie, come i disoccupati o pensionati, non risultano negli elenchi anche se hanno i requisiti. In questo caso bisogna andare all’Asl e chiedere un certificato provvisorio. Il cittadino deve presentare un’autocertificazione del diritto all’esenzione con riferimento al reddito complessivo del nucleo familiare oppure un’autocertificazione che il richiedente riceve una pensione sociale, un assegno sociale di disoccupato con l’indicazione del Centro per l’impiego dove è registrato e una dichiarazione della consapevolezza delle conseguenze di carattere penale in caso di false dichiarazioni, poiché l’Asl farà dei controlli, più una copia di un documento d’identità.

Se le condizioni di reddito cambiano e non si ha più diritto all’esenzione, occorre comunicarlo tempestivamente alla propria ASL di residenza.

Simon Basten

Fonti: Ministero della SaluteAzienda Sanitaria Locale della Provincia di Alessandria