Persone con disabilità: la terza categoria più odiata su twitter

Notizia |
Fact checked
Persone con disabilità: la terza categoria più odiata su twitter

Le persone con disabilità sono la terza categoria più odiata su twitter dopo le donne e le persone di religione musulmana, ma la più alta per numero di tweet negativi. Questo è quanto emerge dalla sesta edizione della Mappa dell’Intolleranza voluta da Vox – Osservatorio Italiano sui Diritti.

Potrebbe interessarti anche…

L’edizione 2021 della mappa, in collaborazione con l’Università Statale di Milano, l’Università di Bari Aldo Moro, Sapienza – Università di Roma e IT’STIME dell’Università Cattolica di Milano, ha rilevato che da metà gennaio a metà ottobre 2021, sono stati estratti 797.326 tweet che riguardano donne, migranti, persone con disabilità, e persone di religione ebraica e musulmana. Il 16% dei tweet negativi (90.430) riguardano le persone con disabilità.

Vox geolocalizza i tweet, e nell’analisi emerge che gli insulti verso una delle categorie più fragili è abbastanza uniforme nel paese ma con concentrazioni al nord e al centro.

I picchi di intolleranza sono quasi sempre coincisi con fatti di cronaca: per esempio quando a gennaio ad Agrigento delle persone con disabilità sono stati picchiate, sequestrate e umiliate nelle loro abitazioni e per strada filmando tutto con lo smartphone, oppure a settembre, quando due insegnanti di una scuola media di Torino sono finiti sotto processo per non aver protetto uno studente disabile da un bullo.

Fonti: Vox, Superabile

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.