Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Decreto Agosto: cosa c’è di nuovo per le persone con disabilità?

Notizia |time pubblicato il
Decreto Agosto: cosa c’è di nuovo per le persone con disabilità?

Il 7 agosto il governo ha varato un nuovo decreto da 25 miliardi di euro a sostegno e per il rilancio dell’economia duramente colpite dal lockdown a causa del Covid-19. All’interno del decreto ci sono novità per le persone con disabilità. 

Potrebbe interessarti anche…

Aumenti pensioni di invalidità 

La Corte Costituzionale aveva indicato al governo di aumentare le pensioni di invalidità. Secondo la Corte un assegno mensile di soli 285,66 euro è manifestamente inadeguato a garantire a persone totalmente inabili al lavoro i “mezzi necessari per vivere” e perciò viola il diritto riconosciuto dall’articolo 38 della Costituzione, secondo cui “ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto di mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale”.  

Nel corso della conferenza stampa del 7 agosto 2020, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, ha annunciato che nel Decreto Agosto sono presenti misure relative all'aumento delle pensioni di inabilità. "Passiamo da 285 euro  fino a 648 euro al mese per tredici mensilità", ha dichiarato il Presidente del Consiglio. "Siamo andati oltre le previsioni della Corte Costituzionale", ha aggiunto, "aumentando le pensioni di invalidità e di inabilità per i soggetti di età superiore ai 18 anni che risultino invalidi civili al 100%, sordi, ciechi civili assoluti e titolari di pensioni di inabilità". 

Reddito di Emergenza 

Il reddito di emergenza viene prorogato. Le famiglie in difficoltà potranno avere un ulteriore assegno tra i 400 e gli 800 euro in base al nucleo familiare. Le domande dovranno essere presentate entro il 15 ottobre. 

Liste d’attesa

L’emergenza Covid ha generato lunghe lista d’attesa per le prestazioni ambulatoriali, di screening e di ricovero ospedaliero. Per ovviare a questo problema, il decreto prevede delle disposizioni transitorie, anche in deroga ai limiti di spesa per il personale, che danno alle regioni e alle province autonome la possibilità di ricorrere a prestazioni aggiuntive di dirigenti medici, sanitari, veterinari e delle professioni sanitarie dipendenti dal Servizio sanitario nazionale, con una remunerazione più elevata rispetto a quella stabilita dal contratto nazionale. Potranno ricorrere anche a prestazioni aggiuntive da parte del personale non dirigenziale e assumere personale a tempo determinato.

Inoltre, viene chiesto alle regioni e province autonome di presentare un piano operativo per il recupero delle liste d’attesa. 

Fabbisogno Sanitario 

Viene aumentato il fabbisogno sanitario di 478.218.772 euro per sostenere le spese. 

Il decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 14 agosto.

Simon Basten

Fonti: Senato, Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità, Quotidiano Sanità