Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Consulta: €285,66 di pensione è troppo poco, va aumentato

Notizia |time pubblicato il
Consulta: €285,66 di pensione è troppo poco, va aumentato

Finalmente un parere giuridico che dà ragione a quello che stanno dicendo gli invalidi civili da decenni: €285,66 mensile di pensione d’invalidità non è abbastanza per vivere. Lo ha deciso la Corte Costituzionale sottolineando la violazione dell’articolo 38 della Costituzione  sul diritto al mantenimento delle persone inabili.

Potrebbe interessarti anche…

Come si è arrivati a questa decisione?

L’origine nasce da una questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte d’Appello di Torino sul caso riguardante una persona affetta da tetraplegia spastica neonatale, dunque incapace di compiere anche il più semplice atto quotidiano e di comunicare all’esterno. Può una persona in queste condizioni vivere con soli €285,66 di pensione, chiede la Corte alla Consulta? Questa cifra così bassa viola la Costituzione?

“La Corte ha ritenuto che un assegno mensile di soli 285,66 euro sia manifestamente inadeguato a garantire a persone totalmente inabili al lavoro i “mezzi necessari per vivere” e perciò violi il diritto riconosciuto dall’articolo 38 della Costituzione, secondo cui “ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto di mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale”.

La Corte Costituzionale ha sottolineato che la quota di un milione di lire (pari a €516,46) riconosciuto da tempo per vari trattamenti pensionistici, deve essere assicurato anche agli invalidi civili senza aspettare il raggiungimento del sessantesimo anno di età. Di conseguenza “questo incremento dovrà d’ora in poi essere erogato a tutti gli invalidi civili totali che abbiano compiuto i 18 anni e che non godano, in particolare, di redditi su base annua pari o superiori a 6.713,98 euro”. La Corte ha anche stabilito che questa decisione non avrà effetto retroattivo e potrà essere applicato solo dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

E adesso?

Adesso tocca allo stato. Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante gli Stati Generali dell’economia ha già detto che saranno aumentate le pensioni d’invalidità. La palla passa a lui, nella speranza che non la trattenga troppo.

Simon Basten

Fonti: Corte Costituzionale, Adn Kronos