MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Accessibilità disabili e calcio: c’è molto lavoro da fare, ma le società di Serie A sono interessate?

Notizia

PUBBLICATO

Accessibilità disabili e calcio: c’è molto lavoro da fare, ma le società di Serie A sono interessate?

Come fa un persona con disabilità ad accedere a un stadio di Serie A per vedere una partita di calcio? Con molte difficoltà. La Fondazione Cesare Serono ha compiuto uno studio che coinvolge tutte le squadre partecipanti al campionato di serie A, indagando sull’iter che deve seguire un qualsiasi tifoso disabile per assistere al match della sua squadra del cuore.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Con rare eccezioni (Atalanta, Cagliari, Roma) le persone con un certificato d’invalidità al 100%, o non deambulanti, hanno accesso gratuito allo stadio, oppure pagano una cifra simbolica (Crotone). Nella maggioranza dei casi i posti disponibili non sono molti, qualche centinaia se si è fortunati, e spesso vengono presi tutti in abbonamento. Gli accompagnatori hanno quasi sempre l’ingresso gratuito anche quando la persona con disabilità deve acquistare un biglietto (eccetto Fiorentina, Lazio e Roma).

Non sono molte le società che consentono l’accesso alla stadio a coloro che hanno il certificato d’invalidità inferiore al 100%. Empoli, Fiorentina e Juventus consentono l’acquisto di un biglietto ridotto anche a chi ha un’invalidità del 35%, ma di solito chi non ha il 100% paga come gli altri, con poche eccezioni.

Quasi tutte le società non propongono un iter semplice per l’acquisto del biglietto, ed è diverso per ognuna di loro: fax, email, telefono, moduli online, registrazioni a siti Internet, biglietterie fisiche. Ottenere informazioni al telefono è stato, a volte, un ostacolo quasi insormontabile (Cagliari e Atalanta, in testa).

Ci sono poi delle società che rappresentano l’eccellenza, come il Torino che può contare da tempo su una curva di tifosi sulla sedia a rotelle, i Tori Seduti. Forte della sua esperienza, ha deciso di assegnare al capo ultrà la gestione degli ingressi allo stadio ed è sempre a lui a farsi carico di qualsiasi lamentela proveniente dalla curva.

Paragone con la Premier League

Spesso si guarda al calcio di oltremanica con l’esempio da seguire per l’organizzazione di questo sport, ma per quanto riguarda l’accessibilità degli stadi sono peggio della Serie A. Secondo un rapporto dell’Unione Europea (1), solo due società hanno raggiunto il numero minimo di posti accessibili per persone con disabilità motorie suggerite dalle organizzazioni mondiali, e ci sono molte lamentele sulla qualità dei posti assegnati: spesso si vede veramente poco per via di steward, fotografi o spettatori che insistono a seguire la partita in piedi. A volte i posti disponibili sono vicino alle aree riservate ai tifosi avversari, con conseguente rischio di insulti o in casi più gravi violenza.

Il rapporto conclude che le persone con disabilità non vogliono avere condizioni privilegiate per assistere a una partita di calcio, vogliono solo poter andare allo stadio come tutti gli altri.

In vista della prossima stagione

Presto partiranno le nuove campagne abbonamenti per il campionato 2017-18. Forse sarebbe il caso che le società di Serie A si riuniscano e trovino un iter comune per facilitare l’afflusso dei tifosi con disabilità. I vecchi stadi italiani non sono certo molto accessibili, ma almeno si potrebbe partire da qui per rendere più accessibile l’acquisto del biglietto.

In questa tabella riassuntiva, la situazione delle 20 squadre del campionato di calcio 2016/2017. Per avere maggiori informazioni, cliccate su ogni singolo club.

 

Squadra Accesso alla Stadio con certificato d’invalidità 100% Accesso alla Stadio con certificato d’invalidità meno del 100% Accompagnatore
Atalanta Biglietto ridotto Biglietto ridotto con certificato d’invalidità a partire dal 75% Ingresso gratuito
Bologna Biglietto gratuito per le persone non deambulanti Biglietto ridotto con certificato d’invalidità a partire dal 75%; Ingresso gratuito
Cagliari Biglietto ridotto Biglietto ridotto con certificato d’invalidità a partire dal 75% Informazione non disponibile
Chievo Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito
Crotone Biglietto a €5 Nessuna agevolazione Ingresso gratuito
Empoli Biglietto gratuito Biglietto ridotto con certificato d’invalidità dal 35 al 99% Ingresso gratuito
Fiorentina Biglietto gratuito Biglietto ridotto con certificato d’invalidità dal 35 al 99% Prezzo ridotto
Genoa Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito
Inter Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito
Juventus Biglietto gratuito Biglietto ridotto con certificato d’invalidità dal 35 al 99% Ingresso gratuito
Lazio Biglietto gratuito per i disabili non deambulanti Biglietto ridotto per i disabili deambulanti Prezzo ridotto
Milan Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito
Napoli Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito
Palermo Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito se il disabile ha bisogno di assistenza continua
Pescara Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito
Roma Biglietto ridotto Nessuna agevolazione Prezzo ridotto
Sampdoria Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito
Sassuolo Biglietto gratuito Biglietto ridotto con certificato d’invalidità dal 74% Ingresso gratuito se il disabile ha bisogno di assistenza continua
Torino Biglietto gratuito Nessuna agevolazione Ingresso gratuito se il disabile ha bisogno di assistenza continua
Udinese Biglietto gratuito Biglietto ridotto con certificato d’invalidità sotto il 100% Ingresso gratuito se il disabile ha bisogno di assistenza continua

Chiara Laganà & Simon Basten

Note

  1. FREE (Football Research in an Enlarged Europe: Identity dynamics, perception patterns and cultural change in Europe’s most prominent form of popular culture.)