Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Sindrome di Down

|pubblicato il
Sindrome di Down

Ma anche tra chi ha indicato di sapere di cosa si sta parlando la sommarietà  e la superficialità  delle conoscenze appaiono in modo assolutamente macroscopico.

Potrebbe interessarti anche…

Per quanto riguarda la sindrome di Down, infatti, da una parte la grande maggioranza di questi intervistati (l'81,2%) sa che si tratta di una condizione genetica, e in quote leggermente inferiori (il 77,6%) sanno che l'età  avanzata della madre è un fattore di rischio molto importante nel determinare la possibilità  di avere un figlio con sindrome di Down (fig. 3).

Fig. 3 - Conoscenze e opinioni corrette a proposito della sindrome di Down, per titolo di studio (val. %)
La Sindrome di Down è una condizione genetica
sindrome di down disabilità

 

Il rishio di avere un figlio Down è più alto per le donne in età  pià  avanzata

sindrome di down disabilità 2

 

Ma dall'altra si rilevano presso quote assolutamente significative di rispondenti, spesso maggioritarie, "opinioni", intese in questo caso come sedimentazione personale delle informazioni ricevute, per molti aspetti sorprendenti.

Quella secondo la quale le persone con sindrome di Down hanno pressoché sempre un ritardo mentale è un'affermazione che viene considerata vera da meno della metà  degli italiani che indicano di sapere cos'è la sindrome di Down (il 49,8%), mentre il 50,2% la ritiene falsa. Le variazioni in base al titolo di studio appaiono, per altro, piuttosto limitate, e se a rispondere vero sono soprattutto i laureati (63,1%) e le persone meno scolarizzate in assoluto (55,2% tra chi non ha titoli o ha la sola licenza elementare), tra chi ha titoli di studio intermedi la quota di indicazioni "falso" risultano invece maggioritarie.

Si tratta di un dato che è certamente complesso spiegare, dal momento che è estremamente probabile che ad una quota di rispondenti che effettivamente non sanno che il nesso tra sindrome di Down e ritardo mentale è pressoché inequivocabile, se ne aggiunge un'altra che mostra evidentemente di aver sedimentato, in una sorta di rumore di fondo informativo, gli effetti di una comunicazione che sul tema è talvolta confusa, e spesso sensazionalistica.

Per cui, all'emergere mediatico di casi (pochissimi e assolutamente eccezionali) di persone Down che presentano capacita cognitive normali, il paradigma per cui, tra i sintomi della sindrome, il ritardo mentale rappresenta di fatto la ragione della disabilità  sembra dissolversi, lasciando spazio ad una sorta di sottinteso "dipende dai casi", che rischia di aggravare lo stigma sociale della disabilità  intellettiva delle persone Down, che "forse si sarebbe potuta evitare".

D'altro canto sussistono luoghi comuni antichi, e (quelli sì!) oggettivamente superati dall'impegno delle famiglie e dai progressi nelle tecniche educative specifiche, nelle scienze mediche e della riabilitazione, grazie alle quali moltissime persone con sindrome di Down oggi possono non solo contare su una aspettativa di vita più lunga di quanto non fosse anche solo qualche decennio fa, ma anche avere la possibilità  di sviluppare la propria personalità  e le proprie inclinazioni in modo autonomo.

Eppure, tra questi rispondenti il 55,7% è convinto che nella maggior parte dei casi le persone con sindrome di Down muoiano giovani, e non superino i 40 anni di età  (quando l'aspettativa media di vita per queste persone è oggi superiore ai 60 anni), e soprattutto il luogo comune, ai limiti del razzismo, secondo il quale le persone Down si somigliano molto tra loro, sia esteticamente che come carattere è considerato vero da 2 intervistati su 3 (il 66,0% del campione, che raggiunge il 75,6% tra i rispondenti meno scolarizzati, e comunque rimane maggioritario anche tra i laureati, che lo condividono nel 60,5% dei casi) (fig. 4).

Fig. 4 - Conoscenze e opinioni scorrette a proposito della sindrome di Down, per titolo di studio (val. %)
Le Persone Down hanno pressoché sempre un ritardo mentalesindrome di down disabilità 3

 

Le Persone Down si assomigliano molto tra loro, sia esteticamente che come carattere
sindrome di down disabilità 4<

 

Contatta l'esperto

CONTATTA GLI ESPERTI

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti