Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Il percorso scolastico e le difficoltà 

|pubblicato il
Il percorso scolastico e le difficoltà 

La vita quotidiana dei bambini e dei ragazzi che hanno la sindrome di Down si articola su attività  più o meno strutturate, che nell'ambito dell'indagine sono state indagate e approfondite, ma chiaramente tra tutte queste attività  per gran parte di quelli inclusi nello studio la scuola ha un ruolo assolutamente centrale: come evidenziato già  nella tabella 2, a frequentare la scuola in questo momento è infatti circa il 60% dei ragazzi e ragazze del campione. Tra loro il 57,1% ha frequentato finora la scuola normalmente, ossia seguendo la durata prestabilita dei vari gradi e ordini, mentre il 42,3% l'ha frequentata protraendo i tempi di permanenza in alcune classi, le famiglie che hanno invece indicato la frequenza di scuole o classi speciali rappresentano un numero estremamente esiguo di casi (fig. 7).

Potrebbe interessarti anche…

Fig. 7 - Modalità  di frequenza della scuola (val. %)percorso scolastico e difficoltà

 Fonte: Indagine Censis, AIPD e Fondazione Cesare Serono 2011

Chiaramente la quota di quanti hanno protratto i tempi di permanenza aumenta all'aumentare dell'età , non tanto (e non solo) per quella variabile "storica" cui si è fatto cenno sopra, quanto perché con il progredire degli studi è più probabile che si presentino le circostanze per cui famiglie e insegnanti concordino questa scelta. Si tratta di una modalità  che viene adottata generalmente alla fine dei cicli scolastici (alla fine delle elementari, e alla fine delle medie inferiori e superiori) anche per ritardare l'uscita della persona dalla scuola, laddove l'offerta e le opportunità  di collocazione post"‘scolastica sono diffusamente carenti: il dato passa infatti dal 12,9% relativo ai bambini più piccoli al 48,2% dei ragazzi in età  compresa tra i 15 ed i 24 anni.

Tab. 8 - Giudizio sulla qualità  dei vari ordini del sistema scolastico finora frequentati dalla persona Down, per livello di disabilità  percepito (val. %)

Assente o lieve

Media

Grave

Totale

Scuola dell'infanzia (materna)
Buona 82,3 61,6 60,0 65,6
Sufficiente 11,8 28,8 28,0 25,2
Scarsa 5,9 9,6 12,0 9,2
Scuola primaria (elementare)
Buona 85,0 54,3 39,2 56,3
Sufficiente 10,0 34,9 30,4 30,2
Scarsa 5,0 10,8 30,4 13,5
Scuola secondaria di primo grado (scuola media)
Buona 58,3 47,5 25,0 45,8
Sufficiente 25,0 32,2 50,0 33,7
Scarsa 16,7 20,3 25,0 20,5
Scuola secondaria di secondo grado
(scuola superiore)
Buona 90,0 62,1 42,8 65,3
Sufficiente 24,1 42,9 21,7
Scarsa 10,0 13,8 14,3 13,0

Fonte: Indagine Censis, AIPD e Fondazione Cesare Serono 2011

Nel complesso il giudizio che le famiglie danno degli ordini scolastici che i loro figli hanno frequentato finora è generalmente positivo, per cui oltre la metà  dei rispondenti definisce buona la qualità  della scuola dell'infanzia (65,6%) quella della scuola primaria (56,3%) e anche a proposito della scuola secondaria di secondo grado (scuola superiore, 65,3%), si rileva una maggiore incidenza di giudizi negativi a proposito della scuola secondaria di primo grado (la scuola media) rispetto agli altri.

Una aspetto che emerge come fortemente discriminante rispetto al giudizio delle famiglie è però quello, evidentemente centrale, del livello di disabilità  della persona Down, così come è percepito dal rispondente. All'aumentare del livello di disabilità , infatti, i giudizi negativi aumentano in modo molto vistoso, e il dato sembra testimoniare che in molti casi la scuola sia capace di fare inclusione laddove le problematiche degli alunni rimangono entro un certo livello di complessità , ma che superata quella soglia il sistema manifesti tutte le sue debolezze (tab. 8).

In particolare, per quello che riguarda le principali difficoltà  incontrate dalle famiglie nella loro percorso all'interno del sistema scolastico va rilevato che circa una su cinque (pari al 20,3% del campione) non ne ha sperimentata nessuna in particolare, e già  su questo dato si osserva una differenziazione assolutamente significativa tra i rispondenti che indicano come assente o lieve il livello di disabilità  della persona Down (27,8%) e quelli che invece hanno a che fare con un livello di disabilità  grave (8,2%).

In generale, le problematiche emerse con maggior frequenza riguardano la preparazione degli insegnanti, sia di quelli di sostegno (42,8%) che di quelli curricolari (38,8%), e l'impossibilità  di ottenere un numero adeguato di ore di sostegno (41,3%). Meno diffusa è l'esperienza di un preside che abbia manifestato scarsa volontà  di risolvere i problemi (22,8%) o di difficoltà  di integrazione e rapporti con i compagni (16,3%), anche se in particolare su questi due item (ma è una tendenza evidente a livello più generale) le famiglie che indicano come più grave il livello di disabilità  fanno registrare valori percentuali sensibilmente più alti.

Contatta l'esperto

CONTATTA GLI ESPERTI

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti