Fondazione Cesare Serono
FONDAZIONE CESARE SERONO

L'informazione è salute

Diventare grandi: l'autonomia e il lavoro

|pubblicato il
Diventare grandi: l'autonomia e il lavoro

Quando si parla di persone Down ci si riferisce spesso ai bambini, ma le persone Down crescono, e la loro disabilità , in termini di livello di autonomia nel confronto con i coetanei, diventa più importante. I dati relativi al numero di ore di assistenza e sorveglianza che le famiglie prestano evidenzia come a partire dalla classe 7-14 anni in poi questo tenda a stabilizzarsi, configurando un quadro nel quale sono necessarie mediamente tra le 5 e le 6 ore quotidiane di assistenza diretta e circa 9 di sorveglianza (fig. 10).

Potrebbe interessarti anche…

Fig. 12. - Ore giornaliere dedicate all'assistenza e alla sorveglianza, per età  della persona Down (val. %)autonomia e lavoro sindrome di down

Fonte: Indagine Censis, AIPD e Fondazione Cesare Serono 2011

Anche a questo proposito la variabile dell'età  potrebbe avere un valore "storico", e dunque è possibile, e certamente è auspicabile, che le coorti più giovani di bambini e bambine con la Sindrome di Down ottengano una volta adulti livelli di autonomia più alti, grazie anche alle cure e terapie mediamente migliori e più tempestive che hanno ricevuto, tuttavia la questione della adeguata collocazione nella società  dei ragazzi più grandi e degli adulti rimane assolutamente centrale.

Come evidenziato nella tab. 2, ad avere un'occupazione è il 31,4% degli over25, e tra loro la maggioranza non è inquadrato con contratti di lavoro standard (oltre il 60%); nella maggior parte dei casi lavorano in laboratori sociali o per cooperative sociali, e sono molti anche quelli che lavorano senza un vero e proprio contratto. In oltre il 70% dei casi, infatti, non percepiscono compenso (in particolare è il 28,1% di chi è occupato), o ne percepiscono uno minino, comunque inferiore alla normale retribuzione per il lavoro che svolgono (si tratta del 43,8%). Ad indicare invece che la persona percepisce la retribuzione normale per il lavoro svolto è il 28,1%.

E' chiaro che in un contesto nel quale il mercato del lavoro offre poche opportunità  ai giovani, per giovani con bisogni particolari come quelli con la Sindrome di Down gli spazi si restringono ulteriormente: il 56,2% degli intervistati, sul totale dei casi in cui la persona Down è maggiorenne, ha indicato nella difficoltà  di trovare un impiego, quale che fosse, il principale ostacolo, mentre un terzo del campione ha fatto riferimento alla difficoltà  di trovare un lavoro compatibile con i desideri e le capacità  della persona, ed il 10,5% ha fatto riferimento al fattore economico (fig. 11).

Fig. 13. - La principale difficoltà  rispetto all'inserimento lavorativo (val. %)autonomia e lavoro sindrome di down 2

 Fonte: Indagine Censis, AIPD e Fondazione Cesare Serono 2011

Ma soprattutto che, a proposito del percorso verso una autonomia possibile le famiglie, chiaramente specie laddove la persona Down è ormai adulta, si trovino pressoché sole è testimoniato dai dati relativi a come i rispondenti immaginano (o progettano, a seconda dell'età  della persona Down) la loro vita adulta, il cosiddetto "dopo di noi".

Chiaramente una quota ampia di rispondenti, specie quelli che parlano di un bambino o di una bambina, ancora non ha un'idea precisa di come affronterà  un futuro che ovviamente percepisce come remoto, ma all'aumentare dell'età  si osserva anche un vistoso aumento delle indicazioni relative ad una qualche forma di permanenza in famiglia (che raggiungono il 50,0% tra i casi in la persona ha 25 anni o più) (fig. 12). Si tratta di un dato che sembra segnalare come con il passare del tempo le famiglie prendano consapevolezza della scarsa disponibilità  di soluzioni, al di fuori della famiglia, in grado di assicurare la qualità  della vita futura alla persona con la sindrome di Down.

Fig. 12 - Pensare una soluzione per la vita futura, per età  della persona Down (val. %)autonomia e lavoro sindrome di down 3

 Fonte: Indagine Censis, AIPD e Fondazione Cesare Serono 2011

Il quadro che i dati fin qui analizzati restituisce sembra dunque caratterizzarsi per alcuni andamenti ed elementi che ricorrono in diverse circostanze e che delineano per certi aspetti uno scenario inconsueto.

In sostanza i dati suggeriscono una sorta di inversione della prospettiva con la quale comunemente si guarda alla Sindrome di Down e alle persone con questa sindrome : tipicamente, infatti, l'attenzione che a livello di dibattito pubblico viene riservata a queste persone si concentra sui bambini. E' chiaro che i bambini con disabilità  richiedono alle loro famiglie, alla scuola e più in generale alla società  una serie di cure e di attenzioni particolari, ma sotto questo profilo il quadro delineato dai dati sembra essere, seppure naturalmente con delle zone d'ombra, abbastanza positivo: sia per quello che riguarda i servizi sanitari, che quelli riabilitativi, che la scuola, soprattutto quella dell'infanzia e quella primaria.

Ma le persone Down crescono, e la loro disabilità , in termini di livello di autonomia nel confronto con i coetanei, diventa più importante. Ed è proprio su questo fronte, invece, che le situazioni descritte, in termini di inserimento nel mondo del lavoro e di prospettive di autonomia e qualità  della vita adulta, appaiono più deboli ed insufficienti delineando in modo netto la necessità  di un più forte impegno e di interventi innovativi da parte di società  ed istituzioni.

Contatta l'esperto

CONTATTA GLI ESPERTI

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda
Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti

Iscriviti