L’indagine sulle persone con la malattia di Parkinson

|
L'indagine sulle persone con la malattia di Parkinson

L’indagine condotta dal Censis sulle persone colpite dalla malattia di Parkinson e sulle loro famiglie ha coinvolto 312 pazienti, iscritti ad una delle associazioni federate in Parkinson Italia. Il reclutamento del campione, infatti, è stato realizzato grazie alla disponibilità  e alla collaborazione delle associazioni locali, che hanno raccolto le disponibilità  dei loro iscritti ad essere contattati ed intervistati dal Censis, attenendosi, per quanto possibile, al piano di campionamento studiato a partire dai dati di prevalenza rilevati nell’indagine Multiscopo dell’Istat.

Potrebbe interessarti anche…

L’universo dei malati di Parkinson è più ampio rispetto a coloro che sono iscritti alle associazioni: di fatto c’è una quota, rilevante, di malati in età  molto avanzata che raramente frequenta le associazioni, le quali rappresentano invece un importante punto di riferimento per i pazienti più giovani. Dunque, come in tutte le indagini che riguardano gli aderenti ad una associazione di pazienti, anche in questa esiste un possibile fattore di distorsione “positivo”, legato cioè al fatto che i rispondenti, in quanto aderenti all’associazione, siano tendenzialmente più informati e più attivi (oltre che più giovani) della media dei pazienti parkinsoniani italiani.

Azione Parkinson Lazio ha ricoperto nella ricerca un ruolo di coordinamento, sia per quanto riguarda la fase preliminare, dunque di realizzazione dei focus group e di preparazione del questionario di rilevazione, che nel lavoro di raccolta dei consensi all’intervista, fornendo di fatto un supporto fondamentale per la realizzazione dell’indagine.

Per questo sia alle Associazioni locali che alla Federazione nazionale e soprattutto ai pazienti intervistati va il nostro sentito ringraziamento.

Questa indagine si sviluppa nei seguenti temi:

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.