Linee Guida sull’ipertensione arteriosa: come sono variate dal 2010 al 2020

Notizia |
Fact checked
Linee Guida sull’ipertensione arteriosa: come sono variate dal 2010 al 2020

Un gruppo di esperti britannici ha analizzato le Linee Guida sull’ipertensione pubblicate dal 2010 al 2020 per definire eventuali variazioni nel tempo delle indicazioni fornite. I risultati hanno indicato che i criteri di diagnosi e gli obiettivi terapeutici sono rimasti stabili, mentre si sono modificate le raccomandazioni sulle cure, specialmente per quelle di seconda linea.

Potrebbe interessarti anche…

L’ipertensione arteriosa è la singola patologia che contribuisce maggiormente al carico di morbilità della popolazione mondiale, riguardando un numero stimato di 1.390.000.000 di persone. Per tale motivo da decenni vengono pubblicate Linee Guida che aiutano a gestirla nella pratica clinica. Un aspetto critico può essere la variabilità nelle indicazioni fornite dalle Linee Guida, che però non è mai stata valutata in maniera sistematica. Procedere a un’analisi di questo tipo, considerando anche le differenze tra i redditi medi dei diversi Paesi nei quali le Linee Guida vanno applicate, può aiutare a capire perché l’ipertensione produca conseguenze cliniche differenti da un’area geografica all’altra. Philip e colleghi hanno valutato l’evoluzione delle Linee Guida sull’ipertensione arteriosa pubblicate in tutto il Mondo, puntando la loro attenzione sulle variazioni relative a tre aspetti principali: valori limite di pressione per definire i livelli patologici e definizione dello stadio, obiettivi di riduzione della pressione arteriosa e cure per raggiungerli. Nel principale archivio di letteratura scientifica mondiale sono stati cercati gli articoli riferibili a Linee Guida per la gestione della pressione arteriosa pubblicati a livello nazionale e internazionale dal 2010 al 2020. Un’ulteriore ricerca è stata fatta per individuare eventuali documenti simili proposti localmente e che non avevano avuto uno sbocco di pubblicazione. Da ciascuna Linea Guida sono state estratte informazioni relative a diagnosi, definizione dello stadio, trattamento e limiti di pressione da raggiungere. Infine è stata eseguita un’analisi comparativa dei dati raccolti. Quarantotto Linee Guida sono state estratte per l’analisi. Il 96% di esse ha definito l’ipertensione arteriosa in base a valori maggiori o uguali a 140 mmHg di pressione arteriosa sistolica e 90 mmHg di pressione diastolica. Riguardo al trattamento farmacologico dell’ipertensione arteriosa sono stati proposti 8 differenti approcci di primo livello, 17 di secondo livello e 6 di terzo livello. Nei Paesi a basso reddito, come cure di prima linea, sono stati raccomandati prevalentemente (63%) i diuretici, mentre in quelli ad alto reddito è stata proposta una scelta più ampia fra le diverse classi di farmaci antiipertensivi. Per valori di pressione maggiori o uguali a 160/100 mmHg il 44% delle Linee Guida, delle quali il 71% era di Paesi ad alto reddito, ha raccomandato una terapia di prima linea con due farmaci diversi.

Gli autori hanno concluso che le raccomandazioni proposte dalle Linee Guida pubblicate fra il 2010 e il 2020 non hanno subito variazioni importanti riguardo a criteri di diagnosi, stadiazione e obiettivi terapeutici dell’ipertensione arteriosa. I cambiamenti maggiori hanno riguardato i trattamenti di seconda linea e si è rilevata una variabilità delle cure raccomandate in base al livello di reddito del Paese nel quale le Linee Guida vanno applicate.          

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.