Consumo di alcol e rischio di aritmie ventricolari

|
Fact checked
Consumo di alcol e rischio di aritmie ventricolari

Un gruppo di esperti australiani ha eseguito uno studio su una casistica molto ampia per verificare la relazione fra consumo di bevande alcoliche e rischio di aritmie ventricolari e di decesso improvviso da cause cardiovascolari. I risultati hanno confermato solo la relazione tra alcol e decesso improvviso.

Potrebbe interessarti anche…

Secondo gli autori della ricerca, precedenti studi avevano dimostrato una relazione con una curva “a U” tra consumo di bevande alcoliche e decesso improvviso da causa cardiovascolare, ma c’erano poche evidenze sull’eventuale ruolo dell’assunzione di tali bevande nella comparsa di aritmie ventricolari. Per questo motivo, hanno eseguito uno studio che valutasse le associazioni tra l’assunzione di alcol totale e quella specifica per tipo di bevanda da una parte e, dall’altra, le frequenze di aritmie ventricolari e di decessi improvvisi da cause cardiovascolari. Allo scopo sono stati utilizzati dati estratti dalla Biobanca della Gran Bretagna. L’introduzione di alcol registrata alla prima osservazione di ciascun caso considerato è stata calcolata sulla base delle bevute standard per settimana della Gran Bretagna, equivalenti a 8 gr di alcol. I risultati sono stati valutati facendo riferimento ai ricoveri e ai decessi registrati per i casi analizzati. L’effetto del consumo di alcol è stato definito con specifici metodi statistici. La casistica ha incluso 408.712 persone di mezza età, per il 52.1% di sesso femminile, seguite per un tempo mediano di 11.5 anni. I riscontri di aritmie ventricolari sono stati 1733 e 2044 sono stati i decessi da cause cardiovascolari. Per quanto riguarda le alterazioni del ritmo cardiaco, non si è rilevata una chiara associazione con il consumo di alcol totale, mentre l’assunzione di quantità più elevate di superalcolici si è correlata con una maggiore probabilità di sviluppo di aritmie ventricolari. Non si sono rilevate associazioni significative con altre bevande alcoliche. Per il rischio di decesso improvviso da cause cardiovascolari, la relazione con il consumo di alcol ha confermato l’andamento a U già definito da altre ricerche. In particolare, l’introduzione di meno di 26 bevute per settimana si è correlata con il rischio più basso. Inoltre, bere quantità maggiori di birra, sidro e superalcolici si è associato con un potenziale rischio più alto di morte improvvisa da cause cardiovascolari, mentre l’introduzione di elevate quantità di vino rosso e di vino bianco si è associata a un rischio più basso. Nelle conclusioni gli autori hanno confermato che i risultati della loro analisi non hanno indicato un’associazione tra consumo totale di alcol e rischio di aritmie ventricolari, mentre hanno confermato quella tra alcol e decesso improvviso da cause cardiovascolari.  

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.