Ipertensione

Ipertensione

Fact checked

L’ipertensione arteriosa, cioè la presenza di valori di pressione costantemente elevati all’interno delle arterie, è una causa di malattia e di decesso prematuri tra le più importanti e queste conseguenze si possono prevenire curando l’ipertensione. Per questo la conoscenza del corretto metodo di misurazione, dei valori patologici e delle cure può fornire un contributo decisivo al mantenimento della salute e a prevenire lo sviluppo delle malattie cardiovascolari che conseguono l’ipertensione.   

Potrebbe interessarti anche…

Cos’è

Le Linee Guida della Società Europea di Cardiologia hanno aggiornato nel 2021 i valori limite che definiscono la pressione arteriosa ottimale, quella normale e i vari gradi di ipertensione. L’unità di misura della pressione arteriosa sono i millimetri di mercurio, abbreviati in mmHg, e fanno riferimento ai vecchi sfigmomanometri che contenevano un tubo di vetro dentro il quale saliva una colonna di mercurio, tanto più in alto, quanto più elevata era la pressione.

Livello di pressionePressione diastolicaPressione sistolica
Ottimaleinferiore a 120 mmHginferiore a 80 mmHg
Normaletra 120 e 129 mmHg  e/o tra 80 e 84 mmHg
Alta/normaletra 130 e 139 mmHg e/o tra 85 e 89 mmHg
Ipertensione di grado 1tra 140 e 159 mmHg      e/otra 90 e 99 mmHg
Ipertensione di grado 2tra 160 e 179 mmHg     e/o      tra 100 e 109 mmHg
Ipertensione di grado 3da 180 mmHg in su       e/o      da 110 mmHg in su
Ipertensione sistolica isolatada 140 mmHg in su                     meno di 90 mmHg

La Società Europea di Cardiologia e altre Società Scientifiche aggiornano periodicamente i criteri di diagnosi dell’ipertensione. In tal modo vengono trasferiti nella pratica clinica i risultati raccolti da importanti studi clinici su ampie casistiche, che associano i livelli di pressione arteriosa con il rischio di sviluppo e di evoluzione dell’ipertensione stessa e delle malattie cardiovascolari che a essa si possono associare o conseguire: dall’aterosclerosi all’infarto, dall’ictus allo scompenso cardiaco.  

Quanto è frequente

Si stima che in Europa ci siano 150 milioni di ipertesi, che nel Mondo ce ne siano un miliardo, che diventeranno un miliardo e 200 milioni entro il 2025 e che, sempre a livello mondiale, l’ipertensione provochi circa 10 milioni di decessi l’anno. Nella popolazione adulta la frequenza di questa malattia varia dal 30 al 45%, tendendo ad aumentare con l’età, fino a oltre il 60% nelle persone di più di 60 anni. Ci sono differenze di prevalenza fra i sessi sotto i 50 anni di età, quando essa si presenta più spesso nei maschi, mentre la frequenza è simile in ambedue i sessi al di sopra di questa età. Un altro aspetto interessante è che l’ipertensione si presenta più spesso fra gli abitanti delle città, rispetto a quelli delle campagne, e tra chi ha un livello socio-economico più basso.

In questa sezione potete trovare

Fact checking

Fact checking disclaimer

ll team di Fondazione si impegna a fornire contenuti che aderiscono ai più alti standard editoriali di accuratezza, provenienza e analisi obiettiva. Ogni articolo è accuratamente controllato dai membri della nostra redazione. Inoltre, abbiamo una politica di tolleranza zero per quanto riguarda qualsiasi livello di plagio o intento malevolo da parte dei nostri scrittori e collaboratori.

Tutti gli articoli di Fondazione Merck Serono aderiscono ai seguenti standard:

  • Tutti gli studi e i documenti di ricerca di cui si fa riferimento provengono da riviste o associazioni accademiche di riconosciuto valore, autorevoli e rilevanti.
  • Tutti gli studi, le citazioni e le statistiche utilizzate in un articolo di notizie hanno link o riferimenti alla fonte originale.
  • Tutti gli articoli di notizie devono includere informazioni di base appropriate e il contesto per la condizione o l'argomento specifico.