MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Trattamento della sinusite: cosa indicano le Linee Guida

Notizia

PUBBLICATO

Trattamento della sinusite: cosa indicano le Linee Guida

Alcuni esperti hanno estratto da Linee Guida dedicate all’argomento le principali raccomandazioni per la gestione dei quadri nei quali si associano rinite e sinusite.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La rino-sinusite è un quadro clinico che consiste nell’associazione di rinite e sinusite e che si manifesta con sintomi come naso chiuso, scolo nasale incolore o produzione di muco denso di colore verde o giallastro, dolore o senso di tensione in corrispondenza delle ossa della faccia, mal di testa e ridotto senso dell’olfatto. La rino-sinusite viene definita acuta quando dura meno di 4 settimane e cronica quando ha una durata superiore a 12 settimane e può essere causata da virus o da batteri. La sinusite cronica può essere associata alla presenza di polipi nasali e a diverse altre malattie tra cui la rinite allergica, l’asma allergico e la malattia da reflusso gastroesofageo.

La rino-sinusite influenza negativamente la qualità di vita e comporta importanti costi per le persone che ne sono affette e per la società. Cure inadeguate costituiscono un problema frequente nella gestione di questa condizione e la maggior parte delle visite mediche per rino-sinusite porta alla prescrizione di antibiotici, anche nei casi non provocati da infezioni da batteri.

Para e colleghi hanno riassunto le raccomandazioni di due Linee Guida per il trattamento delle rino-sinusiti acuta e cronica pubblicate di recente: quella dell’American Academy of Allergy, Asthma and Immunology/American College of Allergy, Asthma and Immunology (Accademia Americana di Allergia, Asma e Immunologia e Collegio Americano di Allergia, Asma e Immunologia, AAAAI/ACAAI) e quella dell’American Academy of Otolaryngology/Head and Neck Surgery Foundation (Accademia Americana di Otorinolaringoiatria e Fondazione per la Chirurgia della Testa e del Collo, AAO-HNSF).

Secondo entrambe le Linee Guida, il trattamento della rino-sinusite, sia acuta che cronica, si basa principalmente sul controllo dei sintomi, mediante corticosteroidi somministrati nel naso e lavaggio nasale con soluzione fisiologica. La terapia con antibiotici deve essere riservata ai casi di sinusite acuta con certezza, o forte sospetto, di una causa batterica, in cui i sintomi persistano per più di 10 giorni o peggiorino nuovamente dopo un temporaneo miglioramento. In questi casi, la terapia di scelta è rappresentata dall’antibiotico amoxicillina, in associazione o meno con acido clavulanico, con i fluorochinoloni o con la dossiciclina, come alternativa nelle persone con allergia documentata alle penicilline. La terapia antibiotica è raccomandata inoltre dalle Linee Guida AAAAI/ACAAI per le recidive della sinusite cronica, soprattutto nelle persone che producono muco denso, giallo o verdognolo. Tuttavia, la durata del trattamento e l’antibiotico ideale da utilizzare in questa indicazione non sono stati ancora individuati con certezza. Inoltre, le linee Guida raccomandano brevi cicli di corticosteroidi per bocca per ridurre l’infiammazione nella sinusite cronica alla quale si associ la presenza di polipi nel naso.

La recente proposta di anticorpi monoclonali, nella cura della rino-sinusite cronica associata a polipi nasali, ha aggiunto alcune possibili alternative alla terapia, ma, attualmente, nessuna di queste molecole ha ricevuto l’approvazione, dalle Autorità preposte, per l’uso in questa indicazione terapeutica. Le Linee Guida, a questo proposito, raccomandano di considerare l’utilizzo di dei prodotti denominati omalizumab o mepolizumab.

L’ultimo anticorpo monoclonale introdotto per il trattamento delle malattie allergiche è dupilumab. Attualmente non esistono raccomandazioni per l’uso di dupilumab nel trattamento della rino-sinusite cronica, ma dati disponibili indicano che esso potrebbe avere un effetto benefico per le persone che non migliorano con i trattamenti più comuni.

La terapia della rino-sinusite, sia acuta che cronica, è rimasta la stessa nel corso degli anni e si basa principalmente sul controllo dei sintomi con corticosteroidi per via nasale e lavaggio nasale con soluzione fisiologica. La recente introduzione di anticorpi monoclonali per la cura di diverse malattie allergiche potrebbe ampliare le soluzioni di trattamento per la rino-sinusite cronica associata a polipi nasali.

Testi a cura della redazione scientifica Editamed

Fonte: Management of rhinosinusitis: an evidence based approach; Current Opinion in Allergy and Clinical Immunology, 2016;16(4):383-389