MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Scoperti 10 nuovi loci per la dermatite atopica

Notizia

PUBBLICATO

Scoperti 10 nuovi loci per la dermatite atopica

Una vasta indagine, i cui risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista “Nature Genetics”, ha permesso di scoprire altre 10 varianti di geni, oltre alle 21 già conosciute, implicate nello sviluppo della dermatite atopica .

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La dermatite atopica, una comune malattia della pelle di tipo allergico, ha una importante componente genetica. Per questo motivo, la ricerca scientifica è molto impegnata nel completare la definizione genetica delle varianti di geni che ne sono all’origine.

Paternoster e colleghi hanno condotto una metanalisi che ha permesso di analizzare una casistica molto vasta, probabilmente la più ampia fino ad ora esaminata. L’analisi ha infatti coinvolto più di 15 milioni di varianti genetiche derivanti da 21.399 malati di dermatite atopica e da 95.464 controlli, ossia individui sani. da Successivamente, un’ulteriore analisi ha riguardato 32.059 casi di malattia e 228.628 controlli. Si è arrivati così a un totale di oltre 377.000 soggetti, comprendenti varie razze. Grazie a questa metanalisi è stato possibile identificare 10 nuovi loci potenzialmente correlati al rischio di sviluppare dermatite atopica. Un altro aspetto interessante è che è noto che tali loci svolgono un ruolo importante nella regolazione del sistema immunitario, confermando, quindi, il ruolo dell’alterazione della risposta immunitaria nell’insorgenza della dermatite atopica.

La genetica è solo uno dei fattori che fanno sì che un soggetto sviluppi dermatite atopica. Tuttavia, queste ricerche rivestono un ruolo molto importante nella comprensione della malattia, in quanto consentono di chiarire meglio i meccanismi che ne sono alla base. Inoltre, almeno in teoria, i nuovi loci individuati potrebbero portare allo sviluppo di nuovi trattamenti.

Testi a cura della redazione scientifica Editamed

Fonte: Multi-ancestry genome-wide association study of 21,000 cases and 95,000 controls identifies new risk loci for atopic dermatitis; Nature Genetics, 2015;47:1449–1456

CONTATTA L'ESPERTO

Ricevi le risposte ai tuoi quesiti

Fai una domanda

CONTENUTI CORRELATI