MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Evoluzione delle Linee Guida sulla prevenzione dell’allergia agli alimenti: quando introdurre le arachidi nell’alimentazione dei bambini?

Notizia

PUBBLICATO

Evoluzione delle Linee Guida sulla prevenzione dell’allergia agli alimenti: quando introdurre le arachidi nell’alimentazione dei bambini?

L’allergia alle arachidi è particolarmente frequente negli Stati Uniti, ma non è rara in Europa e nel nostro paese. Nuove Linee Guida, che stanno per essere pubblicate, proporranno un approccio molto diverso rispetto al passato.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

La frequenza dell’allergia alle arachidi nei bambini è aumentata, negli Stati Uniti, di più di tre volte negli ultimi vent’anni. Di recente si è assistito a un’evoluzione delle raccomandazioni formulate dalle Linee Guida riguardo all’introduzione, nell’alimentazione dei bambini, di questo alimento, e di altri, a rischio elevato di provocare allergia. E’ infatti emerso che, al contrario di quello che si pensava in passato e si è fatto in passato, l’assunzione precoce di tali cibi non aumenta, ma anzi secondo alcune evidenze diminuisce, il rischio di allergie. Ad esempio, uno studio eseguito in Gran Bretagna ha valutato 640 bambini piccoli, considerati ad alto rischio di allergia verso la frutta con guscio (arachidi, nocciole, noci, ecc.) in quanto già allergici alle uova e affetti da eczema. I risultati hanno dimostrato che, somministrando ad un gruppo di soggetti 6 gr di arachidi alla settimana, si è ottenuta, all’età di 5 anni, una frequenza del 2% di allergia alle arachidi, rispetto al 14% rilevato nel gruppo che non aveva assunto le arachidi.

Le Linee Guida che sta preparando l’Istituto Nazionale dell’Allergia e delle Malattie Infettive, e che verranno pubblicate a breve, conterranno una raccomandazione per certi versi rivoluzionaria: tutti i bambini, tra i 4 e 6 mesi di età, dovrebbero assaggiare, per la prima volta, arachidi e altri cibi. Ovviamente, il primo contatto con questi alimenti va concordato con il pediatra di riferimento e, in alcuni casi, dovrebbe essere preceduto da un esame che valuti la presenza di allergie specifiche. Un esperto statunitense ha commentato questa anticipazione segnalando chela raccomandazione di introdurre le arachidi in un momento della vita del bambino in cui egli è venuto a contatto con pochi altri cibi, fatte salve le precauzioni appena segnalate, può avere un effetto molto positivo nel ridurre il rischio di sviluppo di allergie. Un altro specialista ha precisato che, per soggetti così piccoli, sarà opportuno preferire burro o pasta, di arachidi o di frutti similari, data la difficoltà che potrebbero avere a introdurre i frutti in quanto tali.

Tommaso Sacco

Fonte: Evolution of Guidelines on Peanut Allergy and Peanut Introduction in Infants: A Review; JAMA Pediatrics, 2016 Nov 7.