MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Effetti indesiderati frequenti nei bambini allergici curati con corticosteroidi

Notizia

PUBBLICATO

Effetti indesiderati frequenti nei bambini allergici curati con corticosteroidi

Nei bambini affetti da asma può essere necessario somministrare corticosteroidi per periodi più o meno lunghi. Una recente revisione della letteratura ha valutato gli effetti indesiderati che più frequentemente si presentano nei soggetti pediatrici che assumono queste cure.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Anche se nei soggetti pediatrici con allergia si cerca di ridurre al minimo i trattamenti con corticosteroidi, alle volte l’intensità dei sintomi e la difficoltà nel controllarli con altre terapie rende indispensabile questa soluzione. Un gruppo di esperti inglesi ha eseguito una revisione sistematica degli articoli pubblicati su questo argomento. In particolare, ha selezionato quelli riguardanti cure somministrate, per un massimo di 14 giorni, in soggetti di età compresa fra 1 e 18 anni. Ha cercato le pubblicazioni in tutti i maggiori archivi internazionali, trovando 38 ricerche cliniche delle quali 22 eseguite con le metodologie più evolute. Essi, nell’insieme, riguardavano una popolazione di 3200 soggetti, dei quali 850 avevano presentato effetti indesiderati attribuiti ai corticosteroidi. In termini di frequenza, quelli che si sono presentati più spesso sono stati vomito (5.4%), modificazioni del comportamento (4.7%) e alterazioni del sonno (4.3%). Dal punto di vista della gravità, le reazioni indesiderate più gravi sono state le infezioni, fra le quali un caso provocato dal virus della varicella che ha causato il decesso.

Pressione arteriosa e peso corporeo, quando sono stati misurati, sono risultati aumentati, rispettivamente nel 39 e nel 28% dei casi. Esami che hanno verificato le modificazioni degli ormoni prodotti da ipofisi e surreni hanno dimostrato alterazioni in più dell’80% dei soggetti.

I risultati di questa revisione della letteratura confermano che la somministrazione di corticosteroidi, nei soggetti pediatrici con allergia, anche se indispensabile in alcuni casi, comporta una frequenza elevata di effetti indesiderati. Ciò valorizza approcci mirati, come l’immunoterapia, nelle forme di allergia nelle quali è indicata.

Tommaso Sacco

Fonte: Systematic review of the toxicity of short-course oral corticosteroids in children; Archives of Disease in Childhood 2016;0: 1–6.