MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Anafilassi: la possono provocare anche comportamenti intimi

Notizia

PUBBLICATO

Anafilassi: la possono provocare anche comportamenti intimi

In un articolo pubblicato da allergologi italiani si segnala che alcuni comportamenti intimi possono mettere a contatto persone allergiche con allergeni che, in alcuni casi, provocano anafilassi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

I comportamenti intimi sono una premessa insolita al contatto fra un allergene e il sistema immunitario, sensibilizzato nei suoi confronti, di un soggetto allergico. Per questo motivo Liccardi e colleghi hanno eseguito una revisione della letteratura con l’obiettivo di riassumere le conoscenze sull’argomento e diffondere la consapevolezza sulle allergie correlate ai rapporti sessuali. Esistono reazioni allergiche mediate dagli anticorpi IgE che si attivano a seguito del trasferimento di un allergene da una persona all’altra con un bacio attraverso la saliva. Inoltre, contatti con pelle o superfici, mucose possono innescare lo stesso meccanismo. Fra gli allergeni più frequentemente trasferiti con la saliva ci sono quelli delle arachidi e quelli derivati da antibiotici della famiglia dei beta-lattamici, come ad esempio penicilline e cefalosporine. Pur definendola controversa, gli autori della revisione riportano, come strategia di prevenzione di reazioni allergiche dovute alla trasmissione di questi allergeni con il bacio: l’attesa di un’ora fra l’assunzione di cibi o farmaci a rischio e il bacio e un’accurata pulizia della bocca. Un’altra possibile causa di anafilassi dovuta a comportamenti intimi è quella provocata dall’allergia allo sperma che, oltre a infertilità e reazioni allergiche locali, può indurre reazioni sistemiche, come appunto l’anafilassi. All’origine di questi meccanismi c’è un’anomala reattività, mediata da anticorpi IgE,  del sistema immunitario verso una molecola prodotta dalla prostata. Liccardi e colleghi segnalano che alcuni casi di allergia allo sperma sono stati risolti con una desensibilizzazione del sistema immunitario mediante immunoterapia, ma si è trattato di approcci sperimentali.

Nelle conclusioni, gli autori ricordano che la frequenza delle allergie associate a comportamenti intimi non è stata definita, ma sottolineano che le loro ripercussioni sulla qualità di vita e sulle attese relative alla riproduzione sono tali da meritare la massima attenzione da parte degli allergologi e di qualsiasi medico, soprattutto quando si trovino di fronte a quadri insoliti o difficili da spiegare.

Tommaso Sacco

Fonte: Anaphylaxis and intimate behaviour; Current Opinion in Allergy and Clinical Immunology, 2017 Oct;17(5):350-355