MENU SEZIONE
MENU SEZIONE

Allattamento al seno: quale ruolo nella protezione dalle allergie?

Notizia

PUBBLICATO

Allattamento al seno: quale ruolo nella protezione dalle allergie?

Il ruolo dell’allattamento al seno nel prevenire le allergie è dibattuto e sono stati eseguiti numerosi studi per verificare come la composizione del latte possa influire sullo sviluppo di queste malattie. Un gruppo di esperti ha fatto il punto sui risultati ottenuti in tali ricerche.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Quello che accade nei primi mesi di vita del bambino è importante per il successivo sviluppo delle allergie più comuni, come quelle dell’apparato respiratorio, quelle della pelle e quelle alimentari. Tra i fattori che possono condizionarne lo sviluppo, oltre all’esposizione a sostanze che inquinano l’ambiente o a microbi, vi sono anche l’assunzione del latte materno e l’alimentazione seguita dalla madre nel periodo dell’allattamento. Il latte materno è infatti la principale forma di nutrizione del neonato nel periodo più critico per lo sviluppo del sistema immunitario. Gli studi sulla relazione tra allattamento al seno e protezione dall’insorgenza di allergie sono numerosi, e ne sono stati fatti molti da quando le allergie sono diventate più frequenti nella popolazione. Tuttavia, i risultati di questi studi sono spesso discordanti tra loro e difficilmente sono confrontabili. D’altra parte, la composizione del latte materno varia da individuo a individuo e ciò può contribuire a spiegare i diversi risultati ottenuti negli studi. La composizione del latte umano è molto complessa, con livelli variabili di molecole attive dal punto di vista immunitario, quali oligosaccaridi, metaboliti e vitamine, che, a loro volta, influenzano la maturazione del miocrobiota intestinale del bambino. Inoltre la composizione del latte materno è diversa da una donna all’altra e varia nel corso del tempo, a partire dai primi giorni di vita del lattante, anche in base all’alimentazione seguita dalla donna.

Nelle conclusioni di questa revisione, gli autori hanno auspicato che nuove ricerche possano fornire evidenze più chiare sull’effettivo rapporto tra composizione del latte e allergie. Si tratta infatti di un’area promettente della ricerca, i cui risultati potrebbero permettere di ideare nuovi approcci per la prevenzione delle allergie.

Testi a cura della redazione scientifica Editamed

Fonte: Human milk and allergic diseases: an unsolved puzzle. Nutrients 2017; 9: 894