MENU SEZIONE

Diagnosi e terapia nell'allergia ai pollini

Per la diagnosi sono importanti: descrizione e storia dei sintomi, in particolare in relazione alle stagioni e presenza in famiglia di soggetti con allergie o atopia. Una volta formulata un’ipotesi di allergia al polline, le prove cutanee come il prick test ed esami di laboratorio, come il RAST e potranno essere utilizzati per individuare l’allergene.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/

Terapia

Per le cure delle manifestazioni cliniche delle allergie da pollini si rimanda alle schede dedicate alle singole condizioni. Nella prevenzione degli episodi allergici ha dimostrato un’efficacia significativa l’immunoterapia specifica. L’obiettivo di questo approccio è quello di abolire o ridurre la sensibilizzazione dei soggetti allergici verso specifici antigeni, somministrandoli, con frequenze prestabilite, per via sottocutanea o sotto la lingua con appositi preparati. La somministrazione “controllata” degli allergeni permette all’organismo di abituarsi a “tollerare” la loro presenza. La prevenzione dell’allergia con vaccini antiallergici è chiamata anche “immunoterapia” o , più correttamente, “immunoterapia allergene-specifica”.

Vedere anche in Pollini