MENU SEZIONE

Allergia agli acari della polvere

Gli acari sono organismi microscopici, di dimensioni comprese fra mezzo millimetro e 2 millimetri. Ne esistono varie specie e tutte appartengono al tipo degli Artropodi, del quale fanno parte anche i ragni. Gli acari che causano le allergie sono i cosiddetti “acari domestici” (denominati in latino Dermatophagoides Pteronyssinus e Dermatophagoides Farinae), così chiamati perché vivono nelle case. Sono creature primitive, senza apparato respiratorio né occhi, ma dotate delle funzioni utili a nutrirsi, riprodursi ed eliminare escrementi. Una femmina può deporre fino a 100 uova e gli acari vivono fra 2 e 4 settimane. Il loro ambiente ideale ha una temperatura tra 25 e 30 gradi ed un’umidità relativa maggiore del 70%, quindi si sviluppano facilmente nelle abitazioni riscaldate durante l’inverno e, d’estate, in molte aree di Italia trovano un clima favorevole. Gli acari tendono ad annidarsi nei materassi, nelle tappezzerie di divani e poltrone e anche nei tappeti. Gli acari si nutrono in particolare di squame di pelle, normalmente eliminate nei processi di rinnovamento di tale tessuto, e di forfora. Un individuo normale perde ogni giorno 1,5 grammi di questi materiali ed è stato calcolato che tale quantità può alimentare un milione di acari.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!
Rimani in contatto e sempre aggiornato sulle ultime notizie.

www.fondazioneserono.org/newsletter/